Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Grifo, c’è Jo Condor: ‘Perugia, è sempre un piacere. Attenti, la mia Fermana non molla mai…’

In occasione della sfida con la squadra dell’indimenticabile superbomber biancorosso dell’era moderna, Il Messaggero lo ha intervistato a cuore aperto: ‘Caserta è bravo e avete uno squadrone. Ma il mio Grifo era più forte. E Gaucci…’

Il Perugia affronta Giovanni Cornacchini, con 60 indimenticabili gol il suo bomber più prolifico nell’era moderna (meglio di lui nella storia il solo Serlupini), unico grifone ad essere riuscito a vincere due volte la classifica cannonieri, oggi amatissimo mito biancorosso e tecnico della Fermana che aspetta il Grifo sabato in una sfida tra squadre dagli obiettivi opposti.

Nell’intervista rilasciata a Il Messaggero dell’Umbria, nell’edizione odierna, il grande Jo Condor si è lasciato andare all’amarcord. ‘Nel capoluogo umbro ho lasciato tanti amici – ha detto l’ex bomber – e non nascondo che la partita evocherà in me tanti ricordi. Qualche gol da quelle parti l’ho segnato… nella carriera non mi sono mai fermato così a lungo come a Perugia dove sono rimasto tre anni e mezzo. Qualcosa vuol dire’.

Ed ecco come il centravanti che arrivò dal Milan valuta la squadra di Caserta: ‘Uno squadrone, pure ben allenato – dice -. Se la giocherà per la B con SudTirol che non ha pressioni, Modena e Padova che come i grifoni invece devono vincere per forza. Non avere la gente allo stadio ad esempio può avere effetti buoni o cattivi, anche se in piazze del genere poi le pressioni si sentono lo stesso. Ecco, il Perugia mi pare abbia preso giocatori adatti proprio a questo. La squadra è costruita bene, strutturata, tecnica, veloce, ha personalità e qualità. Chi temo? Tutti, indistintamente’. E la Fermana? ‘La mia squadra non demorde mai. Abbiamo la caratteristica che voglio io, quella di stare sempre sul pezzo. Anche perché il calcio è strano e non si sa mai…’.

La domanda del cronista è la curiosità di tutti: più forte questo o il suo Perugia? ‘Con tutto il rispetto, il mio. Noi avevamo gente come Pagano, Piovanelli, Gelsi, giocatori spettacolari. Ed era un’altra C. Ora c’è la regola dei giovani che vuol dire tanto, anche se poi è giusto far giocare quelli bravi’. Infine, non poteva mancare un ricordo di Luciano Gaucci, scomparso esattamente un anno fa. ‘Era un sanguigno, un personaggio unico. Ci andai allo scontro perché ritenevo di avere ragione, ma avere un presidente così adesso sarebbe tanta roba. Con quello che c’è in giro, uno come lui è da rimpiangere. Andando avanti si riflette su tante cose…’.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Orano Sdolzini
os
5 mesi fa

Giovanni cornacchini il mito della curva Nord….. “e cornacchini facci un gol”…… ma come si permette il giornalista di paragonare il suo Perugia con quello di oggi….. all’epoca c’era un presidente travolgente società allenatore parco giocatori a dir poco di categoria superiore… e infine il Curi sempre pieno con punte di quasi di 18-19000 unità………. adesso somiglia di più ad un circo

Mauro
Mauro
5 mesi fa

Scusate ma non si gioca fuori… Con la fermana?

Roberto
Roberto
5 mesi fa
Reply to  Mauro

Infatti…

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario