Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Avversari Grifo – Follia a Cesena, il padre di Shpendi aggredisce il portiere dell’Olbia

Il fatto è avvenuto nell'immediato post gara del 'Manuzzi': l'uomo ha colpito Rinaldi con un pugno al volto

Ha dell’incredibile quello che è successo dopo il fischio finale del match tra Cesena e Olbia, valevole per la 20esima giornata del campionato di Serie C girone B (terminato 1-0). Come riportato da La Gazzetta dello Sport, dopo il triplice fischio arbitrale il padre di Cristian Shpendi (attaccante bianconero) è entrato in campo, dalla tribuna, con l’intento di aggredire il portiere sardo Filippo Rinaldi. L’uomo è arrivato correndo al centro del terreno di gioco, dove alcuni giocatori e dirigenti stavano parlando dopo la partita, e a quel punto ha colpito Rinaldi con un pugno al volto.

L’aggressore è stato subito fermato dal centrocampista del Cesena, Riccardo Chiarello, e da altri componenti della panchina de club romagnolo. La furia dell’aggressore si sarebbe scatenata contro Rinaldi a causa di un colpo proibito sferrato dal portiere all’indirizzo del figlio Cristian durante lo svolgimento della gara. Colpo che ha costretto l’attaccante bianconero ad abbandonare il campo per una ferita all’arcata sopraccigliare. A questo punto si aspetta il referto dell’arbitro e il verdetto del giudice sportivo per capire eventuali provvedimenti a carico del Cesena.

Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il giovane attaccante albanese si è portato a casa il pallone del match. Tre gol...
I bianconeri di Brambilla hanno svoltato con l'arrivo del nuovo anno: 18 punti in 8...
Il club ha deciso di cambiare dopo il pareggio contro il Taranto. Pronto il tecnico...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...