Resta in contatto

News

Serie B: Balata-Gravina, nuovo scontro sul format

La Lega di B si oppone al ritorno a 22 squadre dalla prossima stagione: ‘Vanno mantenute le promesse fatte in campagna elettorale’. Ma il numero uno Figc non si scompone: ‘Conta il Consiglio Federale’

Oggi, giovedì, il Consiglio Federale. Ieri, mercoledì, c’è stata l’Assemblea delle società di Serie B, a Milano, che naturalmente non poteva che essere incentrata sulla questione del format del prossimo campionato dopo l’annuncio del ritorno 22 squadre prospettato da Gabriele Gravinain mancanza della necessaria condivisione’.

L’obiettivo della Lega di B, manco a dirlo, è quello di evitare il paventato ritorno 22 squadre e semmai scendere addirittura a quota 18, qualora si verificassero nuovi forfait come quelli accaduti un anno fa a Bari, Cesena e Avellino. Allo stato attuale, però, tutto il caos di questa estate rischia di essere stato una tempesta in un bicchier d’acqua, perché stando a quanto ha riferito Gravina – che si è appellato ai regolamenti – l’assetto indicato dal Commissario Straordinario Fabbricini, che aveva bloccato i ripescaggi e portato il format 19 grazie ad una sentenza del Consiglio di Stato, era valido soltanto per una stagione.

Vanno confermate le promesse fatte in campagna elettorale – ha tuonato il presidente della Lega di  B, Mauro Balatae va operata una riduzione efficace del formato dei campionati sin dalla prossima stagione’. Pronta la risposta di Gravina, da sempre contrario alla modifica del formato da 22 a 19: ‘Posizioni di contrasto costante non possono trovare alcun riscontro, né presente nè futuro. L’unica strada per attuare le riforme è quella del confronto politico nella sede competente, ovvero il Consiglio Federale’.

Quali saranno ora i prossimi passi? L’assemblea del 10 o 11 gennaio in cui la lega di B preannuncia battaglia e si ribadirà ancora una volta ‘contraria ai ripescaggi per reintegrare gli organici’. In tutto questo un aspetto non secondario potrebbe essere anche la recente richiesta del Governo, attraverso il Sottosegretario Giorgetti, di una riduzione dei format per favorire la sostenibilità del nostro Calcio. Ma intanto, allo stato attuale, il caos è tornato a regnare.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News