Resta in contatto

Amarcord

Dipinto dedicato a Renato Curi donato alla città di Perugia

L’opera su tela dell’artista Alessia Cigliano è stata consegnata stamani a Palazzo dei Priori durante una cerimonia alla presenza del figlio dell’indimenticato numero 8 biancorosso.

La maglia biancorossa. Il numero 8. Le scale del Duomo di San Lorenzo. Renato Curi. Sullo sfondo una delle più belle viste di Perugia: la Fontana Maggiore, Palazzo dei Priori e Corso Vannucci. Il titolo dell’opera è “L’Angelo Gert”, dipinto su tela dedicato all’indimenticato centrocampista biancorosso.

La firma è di Alessia Cigliano, abruzzese di nascita ma perugina d’adozione, che ha donato l’opera alla città. La cerimonia si è tenuta nella Sala della Vaccara alla presenza, tra gli altri, del figlio di Renato Curi, Renatino, del presidente del Consiglio comunale di Perugia, Leonardo Varasano, e i giornalisti Mario Mariano e Sandro Allegrini. È intervento anche l’architetto Michele Bilancia, dell’associazione “Radici di Pietra”, in platea anche il Direttore tecnico del Grifo, Roberto Goretti, e l’ex grifone Franco Vannini.

L’artista ha voluto rendere omaggio al grande campione biancorosso scomparso il 30 ottobre di quasi 42 anni fa nel corso della indimenticata partita con la Juventus, eterno simbolo del Perugia Calcio cui è intitolato lo stadio cittadino.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Amarcord