Resta in contatto

News

Coronavirus, Cabrini: ‘Senso di responsabilità. E il Calcio viene dopo’

Il dolore dell’ex azzurro, come quello di tutti gli italiani, per la situazione del Paese è forte. Il Covid 19 trova spazio nella mente della popolazione come un tarlo si intrufola nel legno, seppur gli ultimi dati lasciano un piccolo spiraglio di speranza

Una voce rotta dal dolore quella di Cabrini al telefono, lui nato a Cremona, zona afflitta dal Coronavirus che sta vivendo settimane critiche. In esclusiva ha condiviso con noi il suo dispiacere e ha espresso il suo pensiero su quello che sta accadendo in Italia.

Un periodo buio, il peggiore dal dopoguerra, con il Covid 19 che ha messo in ginocchio il Paese…

“Non è facile assolutamente, sentiamo ogni giorno quello che sta accadendo in TV. Personalmente sto vivendo come la maggior parte degli italiani, chiuso in casa e rispettando le direttive imposte dal Governo. Per evitare che questo virus si espanda bisogna fare ciò che ci è stato chiesto”.

 I dati dei contagiati e delle persone guarite ci fanno sperare, anche se la ripresa sarà ancora lunga…

Negli ultimi giorni alcuni dati sono certamente positivi. In base alle statistiche e ai numeri possiamo vedere l’andamento del Covid come procede. Tutti speriamo che il picco arrivi il prima possibile, in modo da poter riprendere, quando il Governo ce lo dirà, le nostre attività giornaliere. Tengo a precisare che la cosa fondamentale è il comportamento dei cittadini: solo stando attenti possiamo sconfiggere il Coronavirus”.

Il calcio è in attesa di conoscere il suo futuro. Magari qualche battibecco poteva essere risparmiato?

In questo momento non me la sento di fare polemiche parlando di calcio. Tutti noi stiamo vivendo un dramma. Lo sport viene dopo, molto dopo; la questione adesso è riportare il popolo italiano alla serenità e alla normalità il prima possibile. In questo momento faccio fatica a parlare di calcio, mi sento un po’ fuori luogo”.

Le piacerebbe vedere la Serie A giocare nel periodo estivo?

“Adesso è presto per dirlo. Dobbiamo vedere giorno dopo giorno la situazione legata al virus. Prima di pensare a come poter rigiocare, l’aspetto fondamentale è che tutti stiano bene, che il Covid sia sconfitto e dopodiché sedersi ad un tavolo e trovare soluzioni. Ci sono persone adatte e capaci che in un momento di tranquillità decideranno le sorti dello sport in generale non solo del calcio”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News