Resta in contatto

Approfondimenti

Il calcio appartiene ancora ai tifosi, by Tifosinrete

Il tentativo Super Lega è un campanello d’allarme sulla direzione che sta prendendo lo sport più amato e praticato, a caccia di un modello sostenibile sulla pelle della passione della gente

I più ricchi e potenti club mondiali che si coalizzano foraggiati da una nota banca d’affari per creare una Super Lega calcistica, una competizione privata d’élite a numero chiuso, fuori da Fifa e Uefa. Sembra un film di fantascienza. Anzi, l’ultimo gioco per la PlayStation. E invece è tutto vero, ci hanno provato.

L’obiettivo sarebbe stato gestire direttamente gli incassi di sponsor e diritti televisivi, trattenendo per sé una parte dei guadagni ben superiore alla quota condivisa oggi con la Uefa, per di più eliminando ogni possibilità di restarne fuori per una sconfitta sportiva. Di notte, come i ladri, lo hanno annunciato al mondo a cose fatte. Un colpo di mano con un implicito messaggio: abbiamo deciso, adeguatevi. Lo sport più amato e praticato, travolto da miliardi di debiti, che ha l’arroganza di chiudersi in un mondo dorato riservato a pochi eletti, di lasciar fuori tutti gli altri al solo scopo di triplicare i ricavi, in barba a storia, tradizione, passioni, democrazia, tutto sacrificato sull’altare del business. Il fatturato innalzato a nuovo merito, a cancellare ogni possibilità che un’Atalanta possa far fuori una Juve dalla Champions, che un Perugia punisca sotto il diluvio o un Lecce faccia piangere Roma.

Ormai anche il meno smaliziato dei tifosi sa che la vera partita si gioca sulla ricerca di un modello sostenibile per il calcio, travolto da speculazioni finanziarie, plusvalenze fittizie e bolle speculative. Tutte cose che fanno venire l’itterizia a chi ama il pallone, già provato da mille storture. Il calcio degli avidi, dei padroni del vapore, dei ricchi sulla carta esibisce la sua protervia nei giorni in cui una spaventosa pandemia impoverisce il mondo, tentando il crimine contro i tifosi, contro i sogni e le illusioni di chi cresce costruendo un’identità nella quale riconoscersi indossando una maglia e dei colori. Affaristi, speculatori e miopi. Ci riproveranno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da Approfondimenti