Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Castori, la barra a dritta: ‘Niente rivoluzioni, credo nel nostro lavoro. Grifo, ora fai risultato’

Il tecnico prima dell’Ascoli: ‘Rischio la panchina? Non mi spaventa, il tempo lavora a vantaggio della squadra che cresce. Accorgimenti e lasciarsi alle spalle il passato sono la ricetta’

La barra dritta nella tempesta. Alla vigilia della sfida al Curi con l’Ascoli, che da più parti viene ritenuta partita decisiva per panchina e futuro del suo Perugia partito male, Fabrizio Castori è il manifesto della serenità e della coerenza. ‘Nella settimana blindata abbiamo lavorato su tutto, testa e tecnica – dice -. Il campo dice che dobbiamo sistemare un po’ di cose, io sono abituato a fare le cose con discrezione, a essere riservati ci si guadagna. Se arriveranno cambiamenti? Mi rendo conto delle difficoltà ma per natura io sono uno che persevera, sarà il campo a darci le risposte. Dobbiamo fare risultato per tirarci fuori da questa situazione e dare il massimo di noi stessi, faccio fatica a fare dichiarazioni diverse da queste, cerco di essere razionale ed oggettivo e non vado dietro agli umori del momento. Quando faccio qualcosa la penso e la peso, cerco di capire cosa è che non funziona, la tattica c’entra ma non per questo butto via tutto, non sono facilmente impressionabile, tiro dritto e vado avanti. Magari con modifiche e accorgimenti’.

Quindi sullo stato dei lavori. ‘La settimana è servita alla crescita di chi era indietro nella condizione oppure è arrivato per ultimo, il tempo va a vantaggio di questa squadra. Bartolomei? Lui è un centrocampista centrale, può fare il play o giocare nel centrocampo a due, prima era una mezzala di inserimento, ora è più saggio ed esperto. Ha grande esperienza e si è messo a disposizione con umiltà ed entusiasmo, un acquisto azzeccato. Come d’altronde tutti gli altri, alcuni dei quali sono ancora frenati’.

Infine, sul rischio-panchina: ‘La società ha parlato del vestito giusto? Mi rendo conto di come stanno le cose e cerco di trovare la soluzione, a volte l’abito giusto in questione può essere l’aspetto tattico, altre è qualche singolo che deve crescere. Non credo che le rivoluzioni paghino, meglio gli accorgimenti. Non sono permaloso, ho bisogno di tempo per lavorare in profondità, ho il mio calcio e un metodo per trasmetterlo e non penso che si possa improvvisare, le cose si fanno in profondità. Angella ha parlato di presunzione? Spero che da ultimi in classifica ce la siamo tolta di dosso. Io stesso ho un passato ma non l’ho mai rivendicato, l’anno scorso il Perugia ha fatto un ottimo campionato ma non si vive mica di luce riflessa, va bene essere gratificati ma poi bisogna ripartire, il vissuto lascia il tempo che trova. Rischio la panchina? Non ho paura, tiro dritto, le decisioni non spettano a me, non mi spavento e non perdo la lucidità, impiego tutte le mie energie per mettere le cose a posto in campo, il resto non mi appartiene. E’ nei momenti difficili che si riconoscono gli uomini, il mare in tempesta bisogna saperlo navigare…’.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Qualcuno lontano da Perugia"

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "scusate l intrusione ma non si puo sentire che lisi non e un giocatore io sono di pisa e vi posso garantire che da noi a fatto la differenza forse..."

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da News