Resta in contatto

News

Cosmi e il format della B: “A Perugia il 19 è la sbornia…”.

Serse Cosmi (@sersecosmiofficial) • Foto e video di Instagram.html

L’ex allenatore del Grifo ha citato la tombola per fotografare la strana formula del campionato. E ha poi parlato delle sue “creature” diventate allenatori emergenti.

Serse Cosmi è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport. In campo i suoi allievi cresciuti nel Perugia che ha fatto storia. C’è la sfida fra ex grifoni: il Verona di Grosso e il Lecce di Liverani. E c’è anche Bucchi con il Benevento in questa serie B a 19 squadre. “Non credo di aver fatto scuola – ha detto Serse (nella foto tratta del profilo Instagram) –, nessuno nelle interviste dice che si ispira a Cosmi”.

Poi i ricordi dei calciatori pescati dal basso dal Perugia di Gaucci. Grosso “non aveva grande scuola, faceva mezzala e trequartista, era da valutare in ritiro. Cercavamo un esterno sinistro, in prova c’era un brasiliano improponibile, così adattammo Fabio, anche perché in A nel suo ruolo non avrebbe potuto giocare. Ha fatto bene nelle amichevoli, anche un gol alla Real Sociedad. Si è dimostrato un ragazzo molto intelligente, il piede l’aveva ed è diventato Fabio Grosso”.

Liverani era arrivato da Viterbo un anno prima. “Aveva una scuola alle spalle, anche lui molto intelligente e con un piede sinistro raro. Dicevano fosse lento per fare il trequartista. A me però piace vedere fantasia davanti alla difesa, meglio il primo passaggio dell’ultimo, così l’ho messo playmaker: mi convinse Alenichev perché con Liverani avrebbe avuto più palloni. Fabio sapeva servire chiunque, vicino o lontano: per me dopo Pirlo uno dei più grandi in Italia”. A Bucchi “auguro tutto il bene del mondo. Se torna in A lo fa con più forza, rispetto a Sassuolo. Il Benevento è favorito”. Infine il format del campionato cadetto. “Nella tombola a Perugia il 19 è la sbornia e mi sembra una giusta foto. Sarebbe meglio 20. Capisco ridurre le squadre per avere qualche risorsa in più, ma farlo così è una forzatura eccessiva, come lo era stato nel 2003 farla a 24”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sese speriamo presto torni ad allenare il Perugia per il nostro bene!!!!

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News