Resta in contatto

Calciomercato

Goretti spiega la separazione tra il Perugia e Verre: “Non lo riscattiamo…”

Il Direttore dell’area tecnica biancorossa ha parlato a Tef Channel delle motivazioni che hanno portato il club a questa scelta. “Ma le porte per Valerio saranno sempre aperte”.

È un arrivederci, più che un addio. Ma si separano le strade del Perugia e di Valerio Verre. Nella giornata di ieri è arrivata la fumata nera rispetto al riscatto del cartellino del giocatore da parte del Grifo. Il Direttore tecnico, Roberto Goretti, ha spiegato i motivi ai microfoni di Tef Channel, a margine dello “Sponsor Day” biancorosso. “Abbiamo parlato molto con Valerio e fatto una scelta condivisa. Abbiamo deciso di non riscattarlo perché lui spera di avere la sua occasione in serie A“.

“Per fare un investimento di questo tipo – ha aggiunto Goretti – tutte le parti devono essere molto convinte. Valerio sa che Perugia è casa sua come lui stesso c’ha ribadito e quindi più avanti, nel corso dell’estate, farà le sue valutazioni. Se vuole tornare ad essere decisivo e fondamentale per la nostra squadra le porte sono sempre aperte”.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] chance in Serie A come aveva chiesto a giugno al Perugia. Da lì infatti il club biancorosso aveva mollato la presa rispetto alla volontà di riscattare il cartellino del giocatore dalla Samp dopo i 12 gol nello scorso campionato con la maglia del […]

trackback

[…] lontano del Grifo e probabilmente anche lontano dalla Serie B per Valerio Verre. Archiviato il mancato riscatto da parte del Perugia dopo le 12 reti della scorsa stagione, l’ex grifone continua a tenersi stretta la Sampdoria e […]

trackback

[…] è normale poter ambire a una categoria superiore, sarebbe un pazzo se non lo pensasse. Poi, come ha detto il Direttore (Goretti, ndr), fa parte di quei calciatori che si giocheranno le loro chance nelle società di appartenenza e se […]

Carlo
Carlo
1 anno fa

Salve a tutti. Perdere Valerio è molto dura ma i costi sono proibitivi…. Dobbiamo puntare sui giovani e farli emergere….. Il portiere lo abbiamo in casa ed è Perilli e non mi pare sia l’ultimo arrivato anzi….. Vedi Inter-Pordenone. X ché perderlo?. Poi ci sono altri giovani da buttare nella mischia…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

L’emo capito

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ci risiamo. La solita predica la verità e che quando un bravo giocatore costa il Perugia si tira indietro ma mica e’ una novità. Con il costo di verre il presidente ci fa due sessioni di mercato.???????

xyz
xyz
1 anno fa

La verità è che Verre ha sempre dichiarato che Perugia era “un passo in dietro per farne uno avanti”.
Secondo te… che significa?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Quanno ci voi scommette che ce lo ritrovamo contro?

Grifagno
Marco
1 anno fa

Ma perché, c’erano dubbi? Ora aspettiamo di vendere il pezzo pregiato Dragomir e “tifiamo per le plusvalenze” che ci potranno permettere di costruire una rosa ancor più competitiva

Icecrack
Icecrack
1 anno fa
Reply to  Marco

Ormai la storia è nota, la società non ha le risorse economiche per allestire una squadra in grado di ambire alla promozione in serie A, per cui l’obbiettivo massimo sono i playoff, che ogni anno diventano più difficili da raggiunge e da cui veniamo puntualmente estromesso semplicemente perché le altre squadre sono più forti, organizzate e guidare da tecnici più esperti.

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Grande e irripetibile! Mai più Uno così (purtroppo)! Riposa in pace!"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Calciomercato