Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Quando Noemi disse al papà: “Voglio giocare nel Perugia”

Le confessioni del capitano della Juniores Femminile campione d’Italia alla vigilia della nuova stagione.

Diciotto anni compiuti lo scorso 19 febbraio, Noemi Viola è l’unico capitano delle squadre del Perugia, maschili e femminili, a potersi fregiare del tricolore. La stagione a breve ricomincia e lei si confessa in un’intervista al sito ufficiale.

Noemi è originaria di Assisi ed è una sportiva a 360 gradi: “A sei anni, dopo tre di nuoto, vado dai miei genitori e dico loro che avrei voluto giocare a calcio. Mia madre era un po’ titubante, mentre papà era entusiasta perché è un grande appassionato di calcio. Mamma mi ha fatto provare tanti altri sport prima del calcio, ma a settembre ero irremovibile: così ho iniziato in una squadra locale insieme ai maschi per 5/6 anni prima di entrare nel Perugia”.

È un grande onore e responsabilità indossare la fascia di capitano del Perugia ringrazio ovviamente lo staff per avermi dato fiducia e naturalmente anche le mie compagne che non hanno mai fatto mancare il loro supporto. Per me è stato già un onore e un sogno avverato quello di vestire la maglia del Perugia. Anni fa, e come faccio tuttora, andavo allo stadio e dicevo sempre a papà che un giorno volevo indossare anche io quella maglia, ora ho questa possibilità ed è un’esperienza straordinaria. Darò sempre l’anima per onorarla”.

Sarà una stagione molto importante e impegnativa perché ora tutti ci guarderanno con un occhio diverso per il tricolore sulle nostre maglie. Naturalmente il nostro obiettivo è quello di difendere il titolo con le unghie e con i denti. A livello personale, lavorare a fondo per migliorarmi ed essere d’aiuto per la squadra e le mie compagne”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mah, ancora col sistema, secondo me s'è fatto fuori da solo, si è voluto fare fuori...."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Grande personalità, maestro di vita, semplicità da vendere .unico"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio