Resta in contatto

News

L’abito del Grifo per le feste: c’è Buonaiuto sotto l’albero

Il trequartista biancorosso dovrebbe tornare titolare nel match contro l’Entella che apre il trittico natalizio della squadra di Oddo. Quattro i grifoni assenti.

È in arrivo il diciassettesimo Grifo diverso in altrettante giornate di campionato. Ma le cuciture operate da Oddo nelle ultime settimane dovrebbero confermare l’abito già indossato, con alcuni ritocchi dettati dalle necessità. Il Perugia affronta sabato l’Entella per tornare a vincere dopo la fermata di Cremona e difficilmente lo staff tecnico biancorosso metterà da parte “l’albero di Natale”.

Contro i liguri di Boscaglia (i precedenti e i precedenti contro l’allenatore) inizia proprio il trittico delle festività (il 26 c’è la trasferta di Trapani e il 29 dicembre arriva il Venezia) e Oddo viaggia in direzione del 4-3-2-1 delle ultime uscite.

L’allenatore del Grifo, che non sarà in panchina perché fermato dal giudice sportivo, deve rinunciare a quattro elementi. Dragomir è squalificato e ai lungodegenti Kouan e Angella si è aggiunto Fernandes, ancora ai box per un problema alla tibia. Regolarmente a disposizione Melchiorri che aveva iniziato la settimana a scartamento ridotto.

Domattina è in programma la rifinitura per gli ultimi dettagli ma Iemmello dovrebbe essere ancora l’unico terminale offensivo. L’esperimento Falzerano trequartista non ha convinto e Oddo dovrebbe tornare a puntare sulla gamba di Buonaiuto per il supporto a “Re Pietro” insieme a Capone. Falcinelli, al momento, sembra avere chance ma a partita in corso.

Possibile conferma della mediana con Nicolussi Caviglia, Carraro e Balic, anche se Falzerano contende una maglia al croato. In difesa l’altro ballottaggio con Di Chiara favorito su Nzita per la corsia mancina: più Rosi, Gyomber e Sgarbi a completare la linea davanti a Vicario.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Andate a lavorare che e meglio vagabondi e incapaci

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News