Resta in contatto

News

Il Livorno a Perugia con 12 giocatori più Mazzeo

Gli amaranto sono decimati tra squalifiche, infortuni e mercato. Ventenni a parte, il tecnico Tramezzani ha gli uomini contati e l’ex attaccante biancorosso con la valigia pronta

Unica squadra senza vittorie in trasferta con appena 3 reti segnate in 10 uscite. Il Livorno è ultimissimo in classifica, a 11 punti dalla salvezza, ed è la formazione della B con la striscia negativa più lunga ancora aperta: 9 gare senza successo (l’ultimo il 2 novembre).

Gli amaranto di Tramezzani sono di scena al Curi nel “monday night” e hanno bisogno di un miracolo sportivo. Non tanto per la forza dell’avversario – il Perugia ha i propri problemi da risolvere, compito affidato a Cosmi (“Lottiamo fino all’ultimo istante”) – quanto per i guai interni.

Tra mercato, squalifiche e infortuni, il Livorno arriva a Perugia con gli uomini contatissimi. Marras, Di Gennaro, Luci e Boben sono squalificati. In attacco Marsura è ai box per problemi muscolari e il mercato ha depotenziato il reparto con la partenza di Raicevic (ceduto ai polacchi dello Slask Wroclaw) e la possibile separazione dall’ex grifone Mazzeo (piace al Catania).

Il Livorno ha comunque la necessità di provare a strappare punti e Tramezzani, in conferenza stampa, ha promesso battaglia e dichiarato di credere nella salvezza. Le ultime prestazioni degli amaranto hanno almeno fornito segnali positivi (e 2 punti) ma le scelte sono ora obbligate con 20 convocati e tanti giovani.

Tramezzani potrebbe mantenere l’assetto con la difesa a quattro con Del Prato, Bogdan, Gonnelli e Gasbarro (Morelli unica alternativa a sinistra). A centrocampo Rocca potrebbe essere dirottato a destra con Porcino a sinistra e Viviani al fianco di Agazzi.

In attacco (Mazzeo a parte, suo il rigore fallito all’andata) c’è solo la coppia formata da Braken e Murilo, più il baby Pallecchi che potrebbe avere qualche chance.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News