Resta in contatto

News

Verso Ascoli-Perugia, parla il doppio ex Grassi

Dal calcio alle bocce, sempre con la stessa filosofia: “Questione di colpo d’occhio”.

A dieci giorni dalla partita fra due delle sue ex squadre, Perugia e Ascoli, Marcello Grassi, apprezzato portiere negli anni Settanta, racconta la sua seconda vita sportiva alla Gazzetta dello Sport. Grassi è sempre alle prese con una sfera… ma più piccola e ben più pesante.

Grassi ha vissuto tre vite sportive: portiere in serie A e, dopo la carriera da calciatore professionista, è stato allenatore dei portieri di diverse squadre (ha allenato anche l’ex Perugia Andrea Mazzantini) e, contemporaneamente, si è dedicato alle bocce da cui sono arrivate diverse soddisfazioni: diverse le gare vinte, nel 2016 il titolo regionale di categoria B e tre terzi posti conquistati nella Coppa Italia con la rappresentativa di Massa Carrara.

Ho iniziato a giocare a bocce a fine carriera calcistica. Facevo il dodicesimo e il preparatore dei portieri alla Carrarese – ha ricordato – un pomeriggio stavano giocando e io mi ero fermato a guardare. Uno dei giocatori mi avvicinò e mi disse che, se nel calcio fossi un campione, nelle bocce non ero nessuno e che non avrei mai colpito una boccia posizionata sul campo. Mi consentì di provare dieci tentativi e, senza mai aver giocato prima, colpii tre o quattro volte il bersaglio. Al primo colpò mi fu additata la fortuna del principiante, salvo poi ripetermi. Lì scattò il colpo di fulmine e, così, da trenta anni gioco a bocce”.

Uno sportivo è sempre avvantaggiato quando prova nuove discipline – ha proseguito l’ex portiere – io sono stato anche favorito nelle bocce perché, avendo fatto il portiere, ho sviluppato un buon colpo d’occhio e sono sempre riuscito a vedere l’azione prima degli altri“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Serse? ma come puoi pensare una cosa del genere...... ti dico solo che al suo arrivo galeone trovò il Perugia quart' ultimo e andò in serie A........."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News