Resta in contatto

Approfondimenti

Perugia, quota salvezza mai così alta in Serie B

Stagione singolare, non solo per l’emergenza Covid. Con l’attuale media punti dei biancorossi non sono mai stati necessari i play-out per centrare la permanenza nella categoria

Nella storia recente il Perugia era sempre riuscito a tenere a distanza lo spauracchio play-out. Stavolta invece non solo gli spareggi salvezza sono un rischio concreto ma venerdì sera, a Venezia, va in scena una sorta di preliminare.

Per il Grifo è infatti già una partita da dentro o fuori e la vittoria è l’unico risultato che fornisce al certezza della permanenza in B. Il Perugia si trova dunque impantanato in pericolose sabbie mobili. La ragione primaria sono la mole di errori commessi dai grifoni in una stagione in cui i correttivi del club si sono trasformati in aggravanti. Mai però, nella storia recente della Serie B, la quota salvezza era stata così alta.

Con 45 punti conquistati fin qui il Perugia, tra i vari incastri dell’ultima giornata, avrebbe teoricamente anche la possibilità di rimanere in B in caso di sconfitta (se perde il Pescara e non vince il Cosenza – tutti gli scenari). Sarebbe comunque la quota salvezza più alta degli ultimi anni con una media di 1.18 punti a partita. Per avere la certezza serve comunque arrivare a 48 (1.26 punti a giornata).

Quello in corso è il primo campionato in B a 20 squadre. La scorsa stagione è stata a 19 squadre e la quota salvezza l’ha fissata il Livorno con 39 punti in 36 giornate (media 1.08): è stata la più bassa di sempre. Fino al 2017-18 la B è stata a 22 squadre e allora il Pescara è stata l’ultima squadra ad evitare i play-out con 48 punti in 42 gare (media 1.14). Nel campionato precedente c’è la quota salvezza più alta, finora, della storia recente con l’Ascoli che ha chiuso con 49 punti (1.16 a partita).

Altre tre volte poi la sestultima in classifica ha chiuso a 48 punti (Crotone, Lanciano e Livorno), una volta a 47 (Cittadella) e una a 46 (Pro Vercelli). Comunque si chiuderà l’annata in corso, dunque, accanto all’unicità dell’emergenza Covid si inserisce anche la lotta salvezza più serrata di sempre.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

FORZA GRIFO!!! FORZA RAGAZZI!!! FORZA AC PERUGIA! SEMPRE E COMUNQUE QUALUNQUE COSA ACCADA!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Da tifoso del Perugia dico il PERUGIA merita laC alla faccia del presidente e direttore sportivo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ogni scusa è buona…ma vale per tutti

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti