Resta in contatto

Amarcord

Grifo, in arrivo il quarto spareggio-salvezza nella storia

Epici e interminabili i ‘playout’ del secolo scorso, che per due volte hanno avuto esito favorevole ai biancorossi. La ‘macchia’ della sfida con la Fiorentina. La ricerca nell’edizione umbra de Il Messaggero di mercoledì

Uno spareggio per mantenere la categoria nella storia del Perugia è evento molto raro. La ricerca è stata effettuata dalla edizione umbra de Il Messaggero oggi in edicola con la preziosa consulenza dello storico Giordano Martucci. Nei 115 anni di storia del Grifo soltanto tre volte la squadra biancorossa è stata chiamata ad una coda del campionato per salvarsi. La prima nel lontanissimo campionato di Promozione Interregionale (la Quarta Serie di allora) 1957-58, quando il Perugia chiuse la regular season a 28 punti con Romulea, Spoleto e Bastia e poi dovette affrontare la Virtus Spoleto a Foligno (ko 2-0) e il Bastia a Jesi (vittoria 1-0). Il Perugia poi venne coinvolto in ulteriori spareggi tra le undicesime classificate. Ai grifoni toccarono i toscani del Piombino, vennero sconfitti 2-1 all’andata e pareggiarono 2-2 al ritorno: fu retrocessione. Salvo poi che nell’agosto del ’58 il direttivo di Lega Interregionale dopo la rinuncia di 6 società decretò 5 riammissioni tra cui quella del Perugia, che venne a tutti gli effetti ripescato.

Memorabili gli interminabili spareggi al termine della stagione di serie B 1967-68 che i grifoni chiusero a pari punti (36) con Genoa, Lecco, Messina e Venezia. Due erano di troppo ma per arrivare a selezionarle ci vollero due gironi e una miriade di partite. Era il Perugia di Guido Mazzetti e Lino Spagnoli, che poteva schierare in attacco Montenovo, Lolli e Balestrieri, dietro Cacciatori, Azzali, Polentes. Si giocò in campo neutro, nel primo girone il Perugia vinse 3-0 a Caserta sul Messina, pareggiò 1-1 a Bologna col Genoa e nella stessa sede regolò 2-1 il Lecco, poi perse 3-0 col Venezia. La classifica: Perugia, Lecco, Genoa e Venezia 5 punti, Messina 0 e retrocesso. Ma non bastava. Sotto con un altro girone per la seconda retrocessione: il Perugia sconfisse 2-0 il Genoa a Bologna, fece 0-0 con il Lecco, superò il Venezia 2-1 sempre a Bologna. Classifica: Perugia 5 punti, Lecco 4, Genoa 3, Venezia 0 a salutare la compagnia.

Il terzo spareggio, che non può essere definito play out (i playout vennero istituiti nel nostro calcio dalla stagione 1993-94 ma qui si tratta di anomalia pura), è il tristemente famoso doppio confronto con la Fiorentina della stagione 2003-2004, caso più unico che raro nel nostro campionato di confronto tra la sesta classificata della B e la quart’ultima della A, una sfida marchiata a fuoco dai due gol di Fantini e dalle polemiche e rivelazioni che sarebbero seguite negli anni successivi.

LE FINALI SALVEZZA

1957-58 Quarta Serie: Perugia ripescato

Virtus Spoleto-Perugia 2-0, Perugia-Bastia 1-0, Perugia-Piombino 2-2, Piombino-Perugia 2-1

1967-68 Serie B: Perugia salvo

Perugia-Messina 3-0, Perugia-Genoa 1-1, Perugia-Lecco 2-1, Venezia-Perugia 3-0
Perugia-Genoa 2-0, Perugia-Lecco 0-0, Perugia-Venezia 2-1

2003-2004 Serie A/B: Perugia retrocesso

Fiorentina-Perugia 1-1, Perugia-Fiorentina 0-1

 

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da Amarcord