Resta in contatto

News

Il Grifo e il pallone in campo, Sottil: ‘Io disonesto? Inaccettabile’. Ma ecco il retroscena: lo avrebbe lanciato Bruno

Il tecnico del Pescara replica alle accuse di Goretti: ‘Mai detto di preparare i palloni e tirarli, vuole solo caricare il ritorno’. Ma filtrano nuove verità che rimarranno impunite

Il Dt del Perugia Roberto Goretti lo ha tirato in causa definendolo ‘antisportivo‘ (‘Ho sentito io Sottil dire di dargli il pallone da tirare in campo‘), il tecnico del Pescara Andrea Sottil ha dunque deciso di replicare alle accuse di fronte ai media pescaresi. ‘La vittoria è stata meritata sul campo, è questo che mi è dispiaciuto di questo polverone – ha spiegato a Pescara Sport 24 -. I ragazzi hanno giocato una gran partita, siamo consapevoli che non è finita qui, ci sono altri 90′ più recupero da giocare con coraggio e senza paura nè ansie. Le dichiarazioni mi sorprendono molto e mi dispiace che il signor Goretti faccia queste accuse, io non ho mai detto una frase del genere. Io nello spogliatoio vado a fare le correzioni con la mia squadra e non vado a dire queste cose, sono trenta anni che faccio il professionista e mi sono sempre comportato bene senza un episodio disciplinare o di antisportività. Sono diretto sempre, se è volato quel pallone non è stato un gesto sportivo ma tirare fuori questo polverone mi sembra mirato a caricare la partita di ritorno’.

Sottil ne ha approfittato anche per una protesta nei confronti degli arbitri: ‘Il Pescara è stato penalizzato in campionato con due gol in netto fuorigioco e non mi pare che noi abbiamo fatto tutta questa polemica, ieri  (lunedì sera, ndr) c’è stato un rigore netto che l’arbitro ha deciso di non andare a vedere al Var, poi viste le immagini era netto con espulsione, perchè Gyomber era già ammonito. Infine il rigore che ci hanno concesso giustamente per il mani di Falcinelli con un’ammonizione che manca. Dirmi che sono un disonesto non lo accetto. Poi finisce lì‘.

Svelato intanto un ulteriore retroscena sull’accaduto: non sarebbe stato il Team Manager abruzzese Andrea Gessa a tirare quel pallone in campo dalla panchina del Pescara, ma il centrocampista Alessandro Bruno, che si è poi guardato bene dall’ammettere di avere commesso il gesto antisportivo. A norma di regolamento, qualora nessuno si fosse accusato dell’episodio, l’arbitro avrebbe dovuto espellere l’allenatore. Ecco il perché del ‘sacrificio’ da parte del Team Manager. Sottil può parlare quanto vuole di onestà, utilizzare aggettivi altisonanti e rispondere piccato a Goretti fino a Capodanno sminuendo la portata dell’evento, ma quanto accaduto nel recupero all’Adriatico è un gesto crudamente antisportivo, messo in atto nel momento più delicato e importante di una partita decisiva, realmente ‘inaccettabile’ per chi crede nei valori dello Sport. In tempo di Covid e di stadi vuoti è però semplice svelare gli altarini. E anche l’arbitro e i suoi collaboratori che sono caduti in un tranello del genere avrebbero dovuto e potuto rendersene conto.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
11 mesi fa

le partite vinte si devono vincere non implorare i ricorsi

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News