Resta in contatto

News

L’affondo di Santopadre: ‘Basta funerali, ci salveremo. Scaricato e offeso, il Grifo è una ragione di vita”

Alla drammatica vigilia di una finale playout di ritorno che vale la permanenza in B, il presidente va all’attacco: ‘Contestazione giusta e salutare, ma io mi tatuerò anche il petto. Sono qui per lottare. Credo nella squadra. Se resterò? Sì’

E’ tornato a parlare Massimiliano Santopadre. Il presidente ha scelto la vigilia della finale di ritorno dei playout e lo ha fatto alla sua maniera, ovvero con un lungo monologo in cui ha voluto mandare un messaggio forte alla piazza, alla tifoseria ma soprattutto, indirettamente, alla squadra cui sono affidate le sorti e il futuro del suo Perugia.

Sono qui oggi – ha detto Santopadre via Zoom – per portare un messaggio che in questi mesi, dopo avere letto di tutto, era doveroso. Così come è doveroso metterci la faccia. La cosa che non sopporto è il disfattismo. Non siamo ancora retrocessi, c’è una partita da giocare, il Perugia darà il sangue e non retrocederà. La mia missione è salvare la categoria, poi ci sarà tempo per i processi. Conoscete la mia storia, il mio destino è lottare, la vita non è solo poesia ma anche dolore, i momenti difficili vanno superati a discapito del nostro modo di essere. Mi sono risentito perché tra le tante cose ho letto che non potrei portare il Grifo tatuato sul braccio. Sapete che vi dico? Io me lo tatuo anche sul petto. Perchè io il Grifo lo amo più di quelli che oggi mi hanno scaricato. Ma ora non voglio polemiche. Voglio la salvezza, a marzo il problema era salvare i miei dipendenti, oggi devo impegnarmi a salvare di nuovo squadra, società e dipendenti ma vi assicuro che non finirà né la mia vita, nè il Perugia‘.

Ma lo sfogo del presidente è stato ancora più articolato: ‘Da quando avevo 13 anni sono stato dentro i mercati rionali, ne ho viste tante, non mi spaventa combattere. Ho sempre però dato e ricevuto rispetto e questo mi permette di andare a testa alta, nutro amore per questa società, affronto a testa alta le situazioni mettendoci la faccia. Sono convinto che ci salveremo, non siamo retrocessi, basta coi funerali, venerdì c’è la guerra, io sarò in panchina con la mia squadra e difenderò i giocatori fino all’ultimo. Hanno sbagliato, ne sono consapevoli, sanno bene cosa è successo ma sono e siamo tutti persone per bene. Il 15, il 16 e il 17 e oltre starò a Perugia ancora, perché per me Perugia è una ragione di vita, non una scommessa del c… Sono sicuro che la squadra sarà in grado di reagire, perché è forte, siamo entrati in un vortice maledetto ma il Perugia può vincere una partita e tirarsene fuori. Occorre vincere i duelli e i corpo a corpo, lo faremo‘.

A Santopadre è stato chiesto anche del gesto antisportivo del lancio di un pallone in campo nel recupero a Pescara da parte della panchina abruzzese. ‘Non me frega niente – ha tagliato corto -, io non faccio ricorsi, attiene alla coscienza di chi lo ha fatto. Pensiamo alla partita‘.
Quindi il numero uno biancorosso ha affrontato il delicato argomento della contestazione dei tifosi. ‘La contestazione è salutare in questi momenti, i ragazzi venuti a Cascia hanno parlato in modo straordinario, facendo un discorso vero, da uomini. Me l’hanno riportato per intero, io non c’ero. Ma poi abbiamo perso. La squadra aveva anche reagito, ha fatto un grande primo tempo. Non mi spaventano le contestazioni, fanno parte del calcio, non pretendo i cori per me ma essere scaricati totalmente sì, mi ha offeso sinceramente’.
Quindi la chiosa: ‘Venerdì la squadra combatterà, ne sono certo, basta con i funerali, la negatività. Il Perugia non è retrocesso e non retrocederà perché questa società non se lo merita, io il 15 mattina starò qua. Voglio tutti positivi perché ne usciamo bene anche stavolta, io è dal 7 marzo che combatto, non mi tiro indietro, forza, forza, forza! Se resterò a Perugia comunque vada? Sì. Andiamo a giocarcela, lunga vita al Perugia’.

31 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
31 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Telegram – chat telegram Perugia https://t.me/perugia4chiacchiere

Claudio
Claudio
1 mese fa

il problema principale dunque è lui che si è offeso…il tema centrale del monologo sono gli insulti dei tifosi che hanno colpito la sua sensibilità…. Il problema non sarà invece che lui invece che fare tanto il sensibile doveva sbatterli subito in ritiro permanente da dopo Frosinone quando Serse senza giri di parole aveva messo i puntini sulle i..???…… Allora doveva fare il duro, altro che adesso fare il sensibile..adesso ormai siamo in pressochè in C… Di allenatori ne abbiam cambiati due… Ormai è chiaro che il problema non erano loro…. La responsabilità era la sua.. Presidente con tutto il… Leggi il resto »

Leonardo
Leonardo
1 mese fa

Mi è venuto un dubbio….non sarà che Oddo è tornato per vendicarsi dell’esonero…?! Ha accettato il ritorno in una squadra al tracollo, è rimasto anche quando si parlava della sua sostituzione per i play out.. perché poi Iemmello in panca non è entrato a Pescara?..mah.. sarà….🤨

Federico
Federico
1 mese fa

Belle parole preside’ commoventi solito romano sborone

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

ancora parole fuori luogo dopo la prestazione di Pescara….. non devi convincere nessuno solo fare i fatti ossia quelli che mancano dall’inizio dell’anno

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Dipende per chi è una ragione di vita !!! Per noi tifosi lo è sempre stato nel bene e nel male !!!! Bisogna capire se per voi lo è carissimo Pres !!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Spero vivamente che ci salveremo ma quello che voglio vedere venerdì sera è l impegno massimo di tutta la squadra

JACOPO
JACOPO
1 mese fa

Ad Agosto scorso, finito il calciomercato, come mai non leggevo critiche ma solo lodi sperticate per la campagna acquisti fatta????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Schianta prima di notte assieme a tutti i kit di fg

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Se ti volevi salvare l’avevi già fatto! 😁😁😁

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

se non ci salviamo sei il primo che si deve levare dalle palle.dal promettere la serie A ad andare in C .ci sta un po di differenza o no ….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Grande e Grazie Presidente Massimiliano Santopadre per il percorso condiviso fin qui!!!!!!⚽❤⚽❤⚽❤⚽….FORZA GRIFO!!!!💪💪💪…FORZA PERUGIA!!!!!⚽❤💪⚽❤💪⚽❤💪

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un appello ai giocatori :dimostrate di essere veri professionisti come veramente siete onorate la maglia che indossate FORZA GRIFO

Marco Piobbico
Marco Piobbico
1 mese fa

Il problema principale è che in questa società manca la competenza, non si capisce come mai si manda via un’allenatore quando si stava in zona play off si chiama un icona del Perugia per cercare di migliorare ma non si riesce per svariati motivi, poi si richiama il vecchio mister, poi alla vigilia dello spareggio lo si delegittima cercando ancora qualche oracolo vedi Novellino Colantuono etc mi faccia il piacere Presidente non si costruisce così una società seria. Una società seria si costituisce anno dopo anno non cambiando sempre allenatore ma dando tempo, si costruisce comperando e dico comperando non… Leggi il resto »

Stefano
Stefano
1 mese fa

Forza Grifo. Forza Santopadre.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Sta, zitto scemo fanatico chiacchierone

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Serie eee Cccccc

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

sara’ meglio per te

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ave ha parlato 😂😂😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Fatti NO tatuaggi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ci salveremo!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Forza Grifo e basta!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Certo che ci salveremo…se ti togli dalle palle!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Le ultime parole famose….🤣🤣🤣🤣…C…i Salveremo….🤔🤔🤔

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Fino alla fine forza Perugia!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Temo che il tuo ottimismo sia paura vera, io non scommetterei un euro nel Perugia, a metà campionato eravamo quasi in A ora siamo in C, grazie Santopadre vorrei sapere cosa è successo, veramente non vorrei dare retta alle chiacchiere.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Daje daje Pres ! Ora il momento di lottare poi ci sarà tempo di fare piazza pulita

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Forza presidente a volte le polemiche scaturiscono da tifosi troppo appassionati alla squadra. Tutto qui.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un buon segnale sarebbe stato cacciare subito goretti iniziando ad assegnare i “meriti”……

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

D’altronde tu solo puoi intercedere con Dio…comunque nonostante la delusione FORZA GRIFO A VITA

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

No signor presidente . Per noi il Grifo è una ragione di vita! Per lei no! Perché se così fosse non ci troveremmo in questa situazione . Lei come presidente titolare di questa azienda se non vogliamo essere troppo romantici aveva il dovere di assicurarsi che fosse svolto dai suoi dipendenti un lavoro onesto e in grado di garantire a lei la tranquillità economica a noi tifosi quella del cuore. Noi paghiamo un biglietto , un abbonamento più non possiamo fare credo.Lei si che avrebbe potuto.E dovuto!

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News