Resta in contatto

News

Arezzo-Perugia 0-1, Caserta: “Grande prestazione, ma non siamo i favoriti”

Il tecnico del Grifo con in tasca il successo preziosissimo sul campo dell’Arezzo. “Giusto non rischiare Melchiorri dopo la botta alla testa, per fortuna il mercato è finito”

“Sono molto soddisfatto perché vincere fa morale e porta punti in classifica. Siamo partiti in ritardo ma la squadra ogni giorno che passa cresce di più e sono molto contento”. Fabio Caserta si gode la prima vittoria in campionato alla guida del Perugia e spiega che “la massima disponibilità dei ragazzi mi fa lavorare con serenità”.

“Oggi non era facile preparare e giocare la gara con il mercato praticamente ancora in corso – ha aggiunto a Umbria Tv il tecnico del Perugia dopo la vittoria sull’Arezzoma i ragazzi sono professionisti esemplari. Per 30 minuti nel primo tempo abbiamo fatto una grandissima partita, poi l’Arezzo è venuto un po’ fuori ma nella ripresa si è vista la nostra determinazione nel voler vincere a tutti tutti i costi. Fulignati è stato bravo a parare ma abbiamo comunque creato tantissimo. Era fondamentale portare a casa i 3 punti e sono contentissimo della prestazione”.

Il credo di Caserta per prendere possesso della categoria è chiaro. “Il Perugia deve giocare così, deve togliersi il vestito da favorita e mettersi quello delle altre squadre. Se ragioniamo che siamo il Perugia e loro non sono nessuno ci facciamo solo male: dobbiamo lottare su ogni palla, è ciò che stiamo facendo e sono molto contento”.

Il tecnico biancorosso traccia una linea anche sul mercato. “Per fortuna è finito. Adesso è inutile pensare ciò che poteva essere, siamo questi e dobbiamo remare tutti dalla stessa parte. Minesso? Ha fatto categorie importanti e ha fatto bene, ci darà una grossa mano. Ma la forza del Perugia ha aggiunto Caserta – dovrà essere il gruppo. Cercheremo di battagliare in ogni partita”.

Sono rimasti molti grifoni con le tossine della retrocessione però “c’è sempre stata disponibilità e non vogliono pensare a quello che è stato. Sarebbe questa la cosa più brutta e sbagliata. Melchiorri? Non era il caso che continuasse perché non stava bene anche se voleva continuare. Non dovrebbe essere nulla di grave ma quando si parla di botta in testa è meglio non rischiare. Vogliamo riconquistare la fiducia ed essere un’unica cosa: tifosi, squadra e società. Dipende sempre da noi”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Mirco
Mirco
11 mesi fa

Si è già visto qualcosa di quello che pensavo potesse essere il Grifo di Caserta.

Forza Mister!

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News