Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Occhio a Neglia e Cognigni: ‘Perugia il più forte di tutti. Ma la Fermana può mettere in difficoltà chiunque’

I due attaccanti più pericolosi della squadra marchigiana allenata dall’ex Cornacchini affilano le armi. Precedenti… sorprendenti. E al ‘Recchioni’ i marchigiani subiscono pochissimo…

Tre assist e mezzo, tre rigori procurati, una rete realizzata: è Luca Cognigni uno dei pericoli pubblici della Fermana di Giovanni Cornacchini che si appresta sabato (ore 17,30) ad ospitare il Perugia al ‘Recchioni’ in una sfida delicatissima. “Il Perugia? Insieme al Padova è la squadra più forte del girone – ha dichiarato il numero 9 dei marchigiani al portale youtvrs.it -. Ma la Fermana è viva e può mettere in difficoltà chiunque. Se a me manca il gol? Non segnare da tanto inizia a pesare, ma continuerei benissimo a barattare il gol con altre cose per poter far punti“.

L’altro spauracchio sarà sicuramente Samuele Neglia, ex attaccante del Bari arrivato già a quota 8 reti in classifica marcatori.  La Fermana sarà uno scoglio tutt’altro che semplice, considerando che solo nell’ultimo periodo i marchigiani hanno fermato il SudTirol (1-1), steso la Samb (1-0) e perso di misura a Padova (1-0). Si tratta di una squadra quadrata, di quelle brave a non far giocare gli avversari e, per stare alle parole di Jo Condor, capace di non mollare mai.

Al ‘Recchioni’ la Fermana ha subito sinora appena 8 gol. Una bella gatta da pelare, anche in considerazione dei precedenti. Che sono due, entrambi risalenti agli anni Cinquanta per altrettanti ko: 2-0 nella C ’50-51 e 3-2 nella IV Serie ’52-53. A Padova infine la Fermana ha giocato con la maglia classica, ma con il Perugia, sabato al ‘Recchioni’ potrebbe essere rispolverata la divisa che ripercorre cento anni di storia, che ha colletto e polsini blu, i laccetti sul petto, e la scritta “Fermana Calcio” sul petto.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Federico
Federico
5 mesi fa

Di solito a Fermo sanno fare il pesce il calcio da quando hanno imparato a farlo?

ALAN
ALAN
5 mesi fa
Reply to  Federico

IGNORANTE …! TI INFORMO CHE FERMO nNON E’ SUL MARE.
IL PESCE LO MANGIAMO COME TU LO FAI A PERUGIA ….SPERIAMO CHE DOMANI sTI RIMANGA INDIGESTO…….

Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
5 mesi fa

Cara Fermana ti rispetto. Ma noi siamo di un altro pianeta.

Diego
Diego
5 mesi fa

Bisogna vincere vincere vincere

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario