Resta in contatto

News

Caserta: ‘Grifo, pensa solo a questi tre punti’

Alla vigilia della sfida al Legnago al Curi, il tecnico non va per il sottile: ‘A Fermo avrei preferito giocare ma guardare la classifica ora sarebbe un errore. Falzerano sta bene, i recuperati non hanno minutaggio…’

C’è fibrillazione e grande voglia di tornare in campo. Il rinvio di Fermo ha lasciato un po’ di amarezza e un senso di incompiutezza anche in Fabio Caserta, che nella conferenza pre-Legnago conferma subito come avrebbe preferito che il Perugia avesse giocato quella partita.

‘Sicuramente – dice il tecnico – non è una situazione facile da gestire, saremo costretti a recuperare altre due partite in un mese già complicato. Non è una vantaggio di sicuro. Ma per necessità dobbiamo prepararci anche a queste difficoltà’.

Cosmi diceva che gli allenatori in realtà la classifica la guardano. Ma forse stavolta sarebbe meglio non farlo.

‘In questo momento guardare la classifica sarebbe la cosa più sbagliata, faremo bene a concentrarci solo sulla difficile gara di domani. Non serve assolutamente pensare agli altri, dobbiamo continuare il nostro percorso, tireremo le somme alla fine. Intanto dobbiamo fare di tutto per portare a casa i tre punti’.

A che punto sono Minesso, Melchiorri e Murano? E Falzerano come sta?

‘Credo che nessuno dei tre abbia i novanta minuti ma valuterò. Hanno avuto qualche giorno in più per allenarsi. Falzerano sta bene, se si ferma non è detto che stia male, ha un problemino che stiamo gestendo da venti giorni, preferisco non fargli fare tutto in allenamento. Ma non ha problemi, gli unici assenti saranno gli infortunati Vano e Konate’.

Il Legnago è in un momento negativo, stando ai risultati.

‘La gara va preparata guardando le caratteristiche dell’avversario ma non i risultati, che spesso sono frutto degli episodi. Il Legnago anche contro il Padova ha fatto buona gara, è vivo, è partito per salvarsi ed é in linea con gli obiettivi. Non sarà facile. Contro il Perugia si sa, aumentano le difficoltà perchè gli avversari mettono sempre tutto in campo. Dobbiamo cercare di sfruttare tutte le occasioni, compresi calci piazzati e ripartenze’.

I veneti in esterna hanno pareggiato molto, otto volte. Per aprirne la difesa Elia potrebbe tornare sulla linea difensiva?

‘L’abbondanza è solo numerica. lui può giocare in diversi ruoli così come in quel ruolo abbiamo anche Cancellotti e Rosi. Ma l’importante sarà l’interpretazione della partita’.

Di Noia a che punto è?

‘Quando non si gioca per tanto tempo è normale che manchino il ritmo partita e la condizione, ma è in grossa crescita e ne sono contento perchè è un elemento molto importante e ci può dare una grossa mano’.

Ha ribadito l’importanza delle palle inattive. Si aspetta qualcosa in più da qualcuno in particolare?

‘Chiedo non in particolare a qualcuno ma a tutta la squadra di sfruttarle di più, perchè abbiamo elementi bravi sia nel calciare corner e piazzati che saltatori e strutturati per andare a colpire. Nel calcio attuale è molto importante, perchè spesso sfruttandoli riesci a vincere anche giocando male. Ho visto l’ultima partita del Pescara, che ha giocato molto bene e ha subito due reti su altrettanti piazzati perdendo la partita…‘.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News