Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Grifo, l’ex Bianco avverte il Bari: ‘Ai playoff temo Perugia e Sudtirol’

Mentre la squadra di Caserta crede fortemente di poter tornare ancora in corsa per la promozione diretta, il regista lancia messaggi dal Girone C

Chi si ricorda di Raffaele Bianco? Oggi gioca nel Bari, nel Girone C della Serie C. In pochi avrebbero scommesso sul fatto che l’ex regista biancorosso e il Perugia avrebbero militato insieme in Serie C, al punto da diventare potenziali avversarie ai prossimi playoff. Detto che il Perugia farà di tutto per evitarli, i playoff, rientrando in corsa per il primo posto, intanto Bianco ha rilasciato dichiarazioni eloquenti al portale ‘tuttobari‘. E parlando della sua squadra, protagonista di una stagione deludente, ecco anche il riferimento alla sua ex squadra.

«Playoff? Mi è capitato di vincerli da quarto o quinto in classifica e se il Bari ci arrivasse dopo cinque vittorie, avrebbe uno slancio diverso. A gennaio la squadra è stata rivoltata e un gruppo non si forma in un mese o quantomeno a me non è mai capitato. Al momento non siamo ancora una squadra, ma questo non vuol dire che siamo un disastro, solo che serve tempo per trovare continuità e diventare granitici come potremmo essere. Carrera? Ci stimola e ci massacra, ci ha messo davanti alla realtà di una squadra che non sta facendo le cose per bene e ha toccato le corde che doveva toccare. Sto seguendo gli altri gironi. Le più forti sono nel Girone B come rosa e per come sono strutturate, dal Perugia al Sudtirol. Il Girone A lo vedo più debole, tranne l’Alessandria che come ogni anno è di tutto rispetto. Ma dobbiamo concentrarci su di noi, al modo in cui arriviamo ai play off».

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
3 mesi fa

Grande Bianco ancora non ho capito perché ti hanno cacciato!!!!

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario