Resta in contatto

News

Caserta compatta il Grifo: “Stringiamo i denti. A Verona con fame di vittoria”

Il tecnico sul momento biancorosso alla vigilia del match con la Virtusvecomp: “Le gare ravvicinate ci hanno condizionato, in difesa abbiamo un bollettino di guerra e potremmo non avere Angella. Loro sono in forma, ma io credo ancora nel primo posto e questi saranno punti fondamentali”

Non ci sono più calcoli da fare. Il Grifo dopo il pareggio di Fermo deve fare l’en plein e sperare nei passi falsi di Padova e Sudtirol. La prossima tappa è quella di Verona, dove il Perugia affronterà la terza squadra della città di Romeo e Giulietta. Alle spalle gli uomini di Caserta si lasciano un bottino non ricco di punti nelle ultime partite. Il tecnico analizza così il momento: “Sono convinto che le partite ravvicinate negli ultimi due mesi sono state un fattore, sia dal punto di vista fisico perché abbiamo perso diversi giocatori importanti nello stesso reparto e non abbiamo mai fatto la settimana tipo, sia dal punto di vista mentale perché eravamo obbligati a vincere ogni tre giorni. Non abbiamo la forza di portare a casa sempre i tre punti, poche squadre la hanno. Dal punto di vista dell’ atteggiamento non abbiamo però quasi mai sbagliato”.

Caserta guarda però avanti con fiducia, a partire dalla sfida con la Virtus Verona: “Le caratteristiche che voglio dai ragazzi sono la voglia, la determinazione e la fame. Sarà una partita difficile contro una squadra che anche all’andata ci ha messo in difficoltà. Loro sono organizzati, con un reparto d’attacco strutturato e sanno giocare bene la palla. Hanno attraversato momenti di difficoltà, ma ora stanno bene. Hanno dimostrato contro il Carpi che non mollano mai: hanno rischiato di subire il gol del 3-1, poi hanno trasformato il rigore del 2-2 e nel finale sono andati vicini alla vittoria. Nel loro campo danno fastidio a tutti: anche il Padova ha vinto all’ultima azione (con il rigore tanto discusso di Ronaldo, ndr)”.

Dall’infermeria per il Perugia non arrivano notizie positive: “Dobbiamo stringere i denti e fare una grande gara, abbiamo più di qualche giocatore acciaccato. Angella va ringraziato, ma non penso che riusciremo a recuperarlo perché non possiamo spingerlo oltre quello che ha già fatto. Tutta la squadra ha l’indole al sacrificio, anche Burrai ha spostato a fine stagione l’intervento. In difesa abbiamo un bollettino di guerra, ma le assenze non devono essere un alibi. Monaco ha avuto un problemino al ginocchio nel riscaldamento di martedì. Crialese è rientrato da poco, Negro e Favalli non stanno ancora benissimo. Di Noia ha giocato le ultime due dopo tanto tempo e non ha ancora recuperato al 100%. Elia e Murano invece sono usciti a Fermo per un fastidio muscolare, fortunatamente niente di particolare. La squadra sta facendo molto bene con la difesa a quattro, se ci sarà necessità dovrò prendere in considerazione un cambio di modulo”.

Infine Caserta ha dichiarato di guardare ancora al primo posto: “I punti di Verona saranno importanti per il nostro cammino, senza pensare agli altri. Noi sappiamo che ogni gara vale tre punti ma che non dipende da noi anche se facciamo l’en plein. Quando ho vinto con la Juve Stabia, il campionato è cambiato in otto minuti. Lo so bene io e lo sa bene Elia che era con me. Mi chiedo, perché non può cambiare nelle ultime cinque giornate? Vincerà chi non molla mentalmente e fisicamente prima del traguardo”.

 

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Oreste
Oreste
1 mese fa

Senza Vano oggi sara’ dura…

Federico
Federico
1 mese fa

Si con fame di vittoria poi arriviamo a Verona già mangiati

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News