Resta in contatto

News

Da Salò alla messa per Curi: l’omelia a celebrare un legame eterno

La funzione di Don Mauro Angelini tra spiritualità e campo: “Renato non conosce infortuni, Covid e squalifiche. Lui è il tredicesimo uomo, i tifosi il dodicesimo. Preparatevi allo spettacolo alla partenza per Terni”

Da Salò alla partenza per Terni. L’omelia di padre Mauro Angelini nella messa in memoria di Renato Curi è un viaggio che parte dal 30 ottobre 1977, quel tragico Perugia-Juventus, e ripercorre le ultime settimane di questa stagione. Nella festa promozione i grifoni indossavano una maglia rossa con un otto bianco stampato e il don ha sottolineato l’importanza di quel gesto: “Con Renato c’è una spinta in più ma non solo. Giocare con il Perugia è un esperienza unica e indimenticabile, è come avere attaccata alla pelle la sua maglia e percepire la sua presenza come quella di un angelo”.

La celebrazione si è svolta  in forma privata all’interno dello stadio “Curi” il 19 maggio perché nella data dell’anniversario del 30 ottobre era stata rinviata causa Covid. Oltre alla squadra, alla società e alla famiglia rappresentata dalla figlia Sabrina erano presenti gli ex grifoni Franco Vannini, Nello Malizia, Claudio Tinaglia, Mauro Amenta e Massimo Lupini.

Ma se la messa e la celebrazione sono momenti solenni e irripetibili, padre Mauro del Perugia è il primo sostenitore e nell’omelia ha infilato il tema del fortino del “Curi” e dell’importanza dei tifosi biancorossi anche in un anno delicato come questo caratterizzato dal Covid: “Il nostro è un rettangolo di gioco che ha visto un campione in campo e fuori passare alla vita eterna. E in trasferta il Perugia gioca sempre in 13. Il dodicesimo uomo sono i tifosi: sempre presenti come nell’incitamento prima di Salò. Preparatevi allo spettacolo alla partenza per Terni. Il tredicesimo è Renato: lui dal cielo non conosce infortuni, Covid e squalifiche”. Infine, l’invito alla città: “Sta a noi custodire la tua eredità. Entra sempre di più nel cuore di ogni giocatore che indosserà questa maglia”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
luca ceccarelli
luca ceccarelli
3 mesi fa

Anche da ateo convinto, ti dico che sei un grande, Forza Grifo, Renato per sempre nei cuori dei Perugini…

Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
3 mesi fa

Grazie Padre Mauro. La tue parole resteranno scolpite nella carne del nostro cuore.

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News