Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, il pagellone di fine anno: l’artiglio di Rosi sul campionato

L’approfondimento sul rendimento dei giocatori biancorossi: il terzino sembrava fuori dal progetto, poi ha segnato gol importanti nella cavalcata finale

Il bacio alla maglia a Ravennna, la commozione di Salò. Queste sono due delle immagini con le quali si può riassumere la stagione di Aleandro Rosi. Il grifone è rimasto dopo una dolorosissima retrocessione, ha lavorato duramente per riportare il Perugia dove merita e quando sembrava fuori dal progetto ha saputo aspettare il suo momento.

Il momento giusto

C’è stato un momento intorno a Natale in cui Rosi sembrava destinato a lasciare Perugia nella sessione di mercato invernale. E’ stato autore di un’ingenuità per la quale è stato sanzionato a livello disciplinare dalla società. Nel rush finale lui, che aveva perso la fascia da capitano per poi essere reintegrato, è rientrato nei ranghi scalando le gerarchie. Caserta, che è sempre stato dalla sua parte, lo aveva elogiato dopo la partita di Verona: “Sono contento perché ha sempre lavorato in silenzio”.

La vena realizzativa

Due gol in una stagione potrebbero non sembrare una cifra importante. Va però considerato che Rosi dal 2004 ad oggi aveva timbrato doppiamente il cartellino solo in altre due stagioni e non segnava nella regular season dal 23 ottobre 2016. Non solo, sia a Ravenna che a Verona ha sbloccato il risultato con reti preziosissime per la rincorsa al Padova. L’ex capitano ha caricato quindi la squadra fuori e dentro il campo, ritrovando la vena realizzativa.

VOTO: 7

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
23 giorni fa

Mattia Alessandri

Giuliano
Giuliano
23 giorni fa

E bravo Aleandro!
Sei rimasto, non ti sei nascosto, e hai lottato per poter riconquistare quello che “avevi perso”!
Se resti ti auguro di fare ancora meglio e di più….

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti