Resta in contatto

Approfondimenti

La rinascita di Rosi al Curi: “I risultati arrivano da un atteggiamento costruito nel tempo”

Il difensore ha riscoperto una vena realizzativa e un feeling con lo stadio: i numeri delle svolte nei bivi della sua carriera

A gennaio gli era stata tolta la fascia da capitano ed era stato messo fuori rosa. In estate si pensava alla sua cessione. Aleandro Rosi si è trovato due volte nel corso dell’ultimo anno davanti ad un bivio: lottare nelle difficoltà o mollare tutto. Con animo da guerriero ha scelto la prima, riprendendosi Perugia e dando un’impennata alla sua carriera partita da Roma.

Il difensore ha saputo guadagnarsi il posto da titolare, sfornare buone prestazioni e segnare gol importanti. Ora sembra aver trovato una nuova giovinezza e il feeling con il Curi è diventato elemento prezioso. Ci aveva messo quattro anni l’ultima volta che aveva battuto quattro volte un portiere avversario, tra Parma e Crotone, tra Serie A e Coppa Italia. Poi ne sono passati altri tre in bianco prima della rete contro l’Ascoli in Coppa Italia. La svolta è avvenuta proprio dopo il primo bivio del suo ultimo anno: quello di gennaio. Contro la Virtus Verona ha trovato la marcatura. Quell’esultanza con il bacio allo stemma è diventata immagine riproposta più volte in campo: contro il Ravenna, contro l’Ascoli e contro il Cosenza. Quattro in dieci partite per lui che non ha tra le priorità quella di andare in gol. E mentre riscopriva la sua vena realizzativa, ha segnato anche due volte al Curi al quarto anno a Perugia. La seconda svolta dopo il secondo bivio.

Nei social ha condiviso un post scrivendo: “La perfezione non esiste. Ma esiste il comportamento giusto che ti avvicina alla perfezione .
I risultati non vengono dal fare bene qualcosa ogni tanto, ma da un atteggiamento costruito nel tempo. Poi basta credere nel processo Contento per il gol. Arriverà quello che meritiamo”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Aleandro Rosi (@aleandro.rosi22)

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "Non può giocare come professionista lo vedo bene con il pretola sulla fascia destra vicino al Tevere a chiappa le libellule no comment"

Grifo, prendi un attaccante e un centrocampista: le vostre richieste di mercato

Ultimo commento: "Diamogli anche Giulini in omaggio, visto che ci siamo XD"

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Approfondimenti