Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Rezaei, un ristorante italiano a Teheran e un sogno: “Allenare il Perugia”

L’ex biancorosso, che vive in Iran con sua moglie assisana, si confessa a ‘Il Posticipo’: “Quanto era forte il mio Grifo. Gaucci? Con Ahn doveva comportarsi meglio”

“Mi piacerebbe allenare a Perugia o dove ho già giocato, come a Messina o a Livorno. Sono cresciuto nella Serie A iraniana, il carattere non mi manca. Dovesse arrivare un’opportunità, la prenderei al volo”. A parlare in un’intervista a ‘ilposticipo.it‘ è Rahman Rezaei, che nel 2001 sbarcò in Italia per giocare nel Perugia di Luciano Gaucci su intuizione del direttore sportivo Fabrizio Salvatori.

L’arrivo in Italia

“Era a Teheran per seguire altri due giocatori della nazionale, ma alla fine ha portato me a Perugia ricorda l’ex difensore biancorosso –. Sono arrivato un venerdì pomeriggio di settembre, venivo da un infortunio alla caviglia così mi sono limitato a seguire l’allenamento. Al sabato ho fatto un quarto d’ora di corsa, non mi sono allenato con la squadra. Domenica giocavamo contro il Brescia di Roberto Baggio e Luca Toni. Dopo cinque minuti Sean Sogliano si è fatto male, sono entrato senza riscaldamento e senza sapere una parola in italiano. Ho fatto bene e ho giocato titolare fino alla fine del campionato”.

Ricordi di Grifo

A 47 anni ha un ristorante italiano a Teheran e con la moglie, assisana, fa la spola con il nostro Paese: “Faccio spesso su e giù da Treviso, dove mio suocero si è trasferito dopo aver lasciato Perugia. Tanti i ricordi di Grifo: “C’erano il sudcoreano Ahn, i greci Traianos Dellas e Zisis Vryzas, il colombiano Oscar Cordoba. Poi un gruppo di italiani formidabili: in porta Sebastiano Rossi e Andrea Mazzantini, in difesa Fabio Grosso, a centrocampo Giovanni Tedesco, Davide Baiocco e Roberto Baronio. Tutti insieme formavano davvero una bellissima squadra”.

Un ‘rimprovero’ a Gaucci

E non manca un pensiero per Serse Cosmi e Luciano Gaucci: “Ricordo una bravissima persona e un ottimo allenatore. Cosmi mi diceva cosa dovevo fare per diventare un campione. Mi ricordava sempre quanto fosse importante la concentrazione. Dei Gaucci ricordo benissimo il figlio Alessandro: una brava persona, sempre molto vicina alla squadra. Era quasi nostro coetaneo, questo agevolava il suo rapporto con noi”. A ‘Big Luciano’ però Rezaei rimprovera una cosa: “Il presidente era nervoso perché Ahn aveva segnato nella partita condizionata dagli errori dell’arbitro Byron Moreno (la sfida tra Italia e Corea del Sud ai Mondiali del 2002, ndr), però non era colpa sua. Ahn da professionista aveva fatto il suo dovere. Gaucci avrebbe dovuto comportarsi meglio”.

Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il match-winner: "Il tecnico mi ha detto che avrei spaccato la partita da subentrato segnando....
Risultati della 29esima giornata e situazione di classifica alla vigilia di altre due gare ravvicinate...
Il tecnico: "Il piano-gara era preparato anche per tentare di spuntarla nel finale, sapevamo che...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...