Resta in contatto

News

Verso Ternana-Perugia, Castori: ‘Grifo, nel derby il cuore supera le strategie’

Piccolo show del tecnico alla vigilia, tra scongiuri e commozione: ‘Profondamente toccato da quanto sta accadendo nella mia regione a causa del maltempo’

E’ un Fabrizio Castori attento e concentrato quello che alla vigilia di Ternana-Perugia lancia il suo messaggio motivazionale. ‘Il rapporto con i tifosi per una squadra è molto importante, sappiamo quanto tengono al derby e mi pare che siano stati creati i presupposti per cementare l’aspetto motivazionale, anche se il derby basterebbe anche da solo a livello di motivazioni. La Ternana? A me interessa come approccerà questa partita il Perugia. Abbiamo lavorato molto sotto l’aspetto tattico in questa settimana, mi interessa che i ragazzi comprendano sempre meglio i tempi e gli automatismi che permettono di concedere sempre meno agli avversari e di creare sempre di più in fase offensiva’.

Strizzolo e Angella sono tra i convocati. Ma non è il caso di parlare di formazione. ‘Se farò dei cambi? Non mi piace anticipare nulla anche per tenere tutti sulla corda, la Ternana non ha certo bisogno di vantaggi. Ci vorrebbe un risultato perchè ottenerlo in un derby sarebbe una cosa roboante, oltre a migliorare la classifica. Tutti vorrebbero vincere, questa partita andrà affrontata al massimo sotto tutti i punti di vista’.

E’ stato un piccolo show quello di Castori, che a chi gli faceva notare che contro le Fere lui non perde dal 2005 ha risposto… facendo gli scongiuri. E che poi ha approfittato di una domanda relativa alla vittoria sull’Ascoli per precisare: ‘Contro i bianconeri siamo andati al tiro qualcosa come 16 volte, c’è questa moda di sottovalutare sempre l’avversario e quello che ha saputo fare in campo. Ma questa con la Ternana è tutta un’altra partita – ha precisato ancora il tecnico -. I rossoverdi sono squadra a vocazione offensiva, dovremo essere bravi a limitarli e capitalizzare le occasioni. Per me questa partita potrà essere anche spettacolare, si prepara una strategia a livello tattico e poi si finisce per giocare con il cuore e la spinta emotiva supera l’aspetto motivazionale’.

Il finale del tecnico di San Severino Marche è stato di piena commozione, quando gli è stato chiesto un pensiero alle popolazioni colpite dal maltempo nella sua regione. ‘Dopo il terremoto è un’altra calamità, una cosa triste che ci tocca profondamente. Ho tanti amici che mi hanno mandato i video, una cosa davvero brutta…’.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "scusate l intrusione ma non si puo sentire che lisi non e un giocatore io sono di pisa e vi posso garantire che da noi a fatto la differenza forse..."

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Annoscorso la squadra mi dava affidamento soprattutto per in trasferta cosa che questAnno la vedi come una una squadretta da salvezzavsebza ambizione..."

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da News