Resta in contatto

Amarcord

Tre anni senza Ceccarini, nel cuore del Grifo c’è sempre il Tigre

Il 29 agosto del 2015 la morte del difensore del Perugia dei miracoli. Simbolo sportivo e imprenditoriale della città.

Tre anni fa ci lasciava Antonio Ceccarini. Per tutti il “Tigre”. Aveva 65 anni, gran parte dei quali legati indissolubilmente all’universo Grifo. Ceccarini è la storia del Perugia e della città. Nato a Sant’Angelo in Vado, quando ha scoperto i colori biancorossi ha fatto grande la squadra e impreziosito la comunità con la valori sani, sportivi prima e imprenditoriali poi. Sette campionati con il Perugia, da terzino vero, ingranaggio chiave del “Grifo dei miracoli” e del campionato dell’imbattibilità in Serie A. Con 175 presenze Ceccarini è sesto nella classifica dei fedelissimi del Perugia di tutti i tempi. Una bandiera. E poi c’è la vita a Perugia durante e dopo la carriera calcistica, il legame profondo con Renato Curi, la famiglia e l’attività imprenditoriale nel settore tessile, legata all’amico Brunello Cucinelli.

Il 29 agosto del 2015 si è spento Antonio, sconfitto da una lunga malattia, e tutta la città si è stretta nel dolore della famiglia, la moglie Grazia e i figli Gaia e Matteo. Era gremita per i funerali la chiesa di Ferro Di Cavallo. C’erano lacrime che bagnavano quell’immensa ammirazione di Perugia per il “Tigre”. Sono passati già 3 anni, ma il cuore biancorosso di Antonio Ceccarini continua comunque a battere.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "Non può giocare come professionista lo vedo bene con il pretola sulla fascia destra vicino al Tevere a chiappa le libellule no comment"

Grifo, prendi un attaccante e un centrocampista: le vostre richieste di mercato

Ultimo commento: "Diamogli anche Giulini in omaggio, visto che ci siamo XD"

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Amarcord