Resta in contatto

News

Breda sull’esonero: “Certe cose non le ho capite”

L’ex tecnico del Perugia, attualmente senza squadra, torna sul suo controverso allontanamento alla vigilia dei playoff.

Si guarda avanti perché trovare risposte che abbiano un senso diventa difficile – dice Roberto Breda a Radio Touring, emittente reggina – il problema è che anche l’anno prima è andato verosimilmente allo stesso modo. L’obiettivo della salvezza era stato raggiunto con otto giornate di anticipo. Mi sarebbe piaciuto avere la possibilità di giocarmi i playoff. Già ci sono difficoltà sul campo, delle volte però ti devi misurare con delle cose che fatichi a capire, vorrà dire che imparerò a rapportarmi meglio con i dirigenti“. Stoccata nemmeno tanto velata a Goretti, che lo aveva messo in discussione già nella pausa invernale.

Una riflessione anche su Bianchimano, che il Perugia lasciò sei mesi proprio alla Reggina: “Ho avuto modo di vederlo all’opera, non è niente male, ha buone prospettive. Purtroppo lo vedo un po’ chiuso a Perugia. Lo scorso anno avevamo solo due punte, ora sono ben forniti e lui sarà la quarta scelta, con Melchiorri, Vido e Han che partono una spanna sopra“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Questo c’è armasto sotto….

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News