Resta in contatto

News

L’Italia non sa più vincere: è 1-1 nel test con l’Ucraina

Non basta un tempo a mille ma senza concretizzare alla squadra azzurra nell’amichevole di Genova, nella ripresa al fortunoso vantaggio di Bernardeschi risponde Malinovsky che nel finale coglie anche una traversa. La cosa più bella: il minuto di silenzio per le vittime del Ponte Morandi

Iniziamo dalla cosa più bella. Minuto 43, tutti fermi in campo per rendere omaggio alla memoria delle 43 vittime del crollo del ponte Morandi: è il gesto di Italia e Ucraina, impegnate in amichevole al Ferraris di Genova. Sul maxischermo compare la scritta “Genova nel cuore”, i 10 mila spettatori cominciano ad applaudire e dietro di loro anche i 22 giocatori i campo e le panchine, in piedi. Dopo circa un minuto, la partita ricomincia.

La partita finisce 1-1, col botta e risposta tra Bernardeschi (10′) e Malinovsky (17′) e una squadra azzurra che, dopo un primo tempo dominato in lungo e in largo ma senza riuscire a concretizzare diverse palle-gol, cede dal punto di vista fisico nella ripresa concedendo agli uomini di Shevchenko le occasioni più importanti, tra cui una traversa del solito Malinovsky su punizione.

IL TABELLINO

Italia-Ucraina 1-1

Italia (4-3-3): Donnarumma; Florenzi (dall’84’ Piccini), Bonucci, Chiellini, Biraghi (dall’87’ Criscito); Verratti (dal 70′ Bonaventura), Jorginho, Barella (dal 78′ Berardi); Bernardeschi (dal 56′ Immobile), Insigne (dal 78′ Pellegrini), Chiesa. All. Mancini

Ucraina (4-1-4-1): Pyatov; Karavaev, Burda, Ratitskiy (dall’88’ Kryvtsov) Matviyenko; Sydorchuk (dal 56′ Stepanenko); Marlos (dal 46′ Tsygankov), Zinchenko, Malinovskiy, Konoplyanka (dal 73′ Petriak); Yaremchuk (dal 75′ Kravets (dall’88’ Butko). All. Shevchenko

Marcatori: 55′ Bernardeschi (I), 62′ Malinovsky (U)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Persona speciale."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Gugliemo Vicario è un talento, per capacità di concentrazione, continuità, attaccamento e professionalità. Complimenti."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News