Resta in contatto

News

El Yamiq, il gol al Padova e “l’energia positiva di Perugia”

Il centrale marocchino del Grifo si è raccontato. “Sono orgoglioso di quella rete da 3 punti”. Senza calcio avrebbe fatto l’artista.

Jawad El Yamiq è l’ultimo protagonista della rubrica “Peruginità” curata dall’ufficio stampa del club di Pian di Massiano. Il difensore marocchino si è raccontato in francese e con un pizzico di italiano che “sto imparando”, ha detto. El Yamiq è stato tra i protagonisti di questa prima parte di stagione del Perugia di Nesta e ha firmato il successo allo scadere sul Padova. “Quando ho segnato quel gol ho sentito energia positiva e orgoglio, perché si trattava di 3 punti”.

“Ho iniziato a giocare a calcio da dilettante nel mio quartiere, poi con la squadra di Khouribga, in Marocco. Da bambino i miei giocatori preferiti erano Fernando Hierro, Fabio Cannavaro e Sergio Ramos. Quando sono arrivato a giocare in Italia sono stato felice di aver realizzato il mio sogno. Se non fossi diventato calciatore – ha aggiunto El Yamiq – avrei fatto l’artista”.

Nella scorsa stagione l’approdo al Genoa e “l’Olimpico di Roma, insieme allo stadio di Marakesh in Marocco, è l’impianto più bello in cui sono sceso in campo. L’avversario più forte? Dzeko. Mi piacerebbe un giorno giocare al Santiago Bernabeu di Madrid”.

El Yamiq ha parlato anche della sua vita, ama i viaggi e ha un’inevitabile nostalgia di casa. “Mi manca la mia famiglia, gli amici e le atmosfere marocchine. Ma qui sono circondato da persone che mi incoraggiano e le ringrazio. I posti più belli che ho visitato sono la Turchia e, il mese scorso, San Marino. Perugia è una bella città, qui trovo molta tranquillità. Un saluto a tutti i tifosi, forza Perugia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News