Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo: da Benevento un esame dietro l’altro

Il calendario fino al giro di boa mette il Perugia di fronte a tutte squadre attaccate o davanti in classifica. Sono 7 tappe per capire con quali ambizioni arriva Nesta al mercato di gennaio.

Un esame dietro l’altro. “Abbiamo vinto contro una grande, è un segnale”, aveva detto il tecnico del Perugia, Sandro Nesta, dopo l’ultimo successo sul Crotone. Il terzo di fila ma il primo contro una big, seppur in difficoltà. Un po’ come l’avversario di sabato. Il Benevento è una delle regine del mercato ma è in una crisi che rischia di diventare nera. Anche se l’avvio convincente tiene ancora la squadra dell’ex Bucchi in zona play off, a braccetto proprio con il Grifo.

Con la trasferta del Vigorito, dopo l’ennesima sosta di questa prima parte di campionato, inizia il percorso dei grifoni di Nesta verso il giro di boa. Un esame dietro l’altro. Perché le avversarie sono tutte protagoniste di questa Serie B. In poco più di un mese ci sono 7 partite di alto livello. Dopo Benevento, il Perugia è atteso dal match casalingo contro il Pescara del 2 dicembre (ore 21). Poi la trasferta di Lecce, sabato 8 dicembre (ore 15) e il match al Curi contro lo Spezia il sabato successivo (ore 15). A Cittadella c’è la giornata pre natalizia il 23 (ore 15) e la notte del 27 dicembre arriva a Perugia il Foggia (ore 21). Si chiude il girone d’andata il 30 a Cremona (ore 15).

In sostanza sono 6 scontri diretti, a parte il Foggia che è in zona retrocessione ma senza penalizzazione sarebbe a 15 punti (e potrebbe riavere qualcosa indietro). Gli stessi della Cremonese, a meno 2 dal Grifo. E un gradino più su c’è lo Spezia (la classifica). Le altre avversarie sono davanti al Perugia. Un esame dietro l’altro. Se i ragazzi di Nesta proseguono nella marcia di inizio novembre, si faranno largo tra le grandi della B.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti