Resta in contatto

Approfondimenti

Il Perugia contro l’ultimo miracolo del ‘Citta’

La società veneta un esempio di competenza: ha chiuso in attivo di 5 milioni il mercato estivo rinunciando a tutti gli elementi più forti e costruendo a costo zero una nuova armata in grado di lottare per la Serie A

Società da tenere d’occhio e ancor di più, per il Perugia che domani sarà di scena al ‘Tombolato’, squadra capace di tutto. A strabiliare il calcio italiano è ancora una volta una compagine, il Cittadella, completamente rinnovata dopo aver ceduto a peso d’oro giocatori valorizzati nella maniera migliore. Soltanto in difesa il ‘Citta’ in estate si è privato di Salvi, passato al Palermo, così come dell’altro esterno Scaglia, ed ha preso due terzini dalla C dal grande rendimento come Drudi e Frare.

A centrocampo sono arrivati i misconosciuti Panico, Proia e Branca (tutti titolari) ed è partito un certo Bartolomei. In attacco invece sono stati ceduti il centravanti Litteri, ex Ternana, il talento Kouame, destinato con ogni probabilità ad entrare nel calcio dei grandi, quindi due di categoria come Arrighini e Chiaretti. Sono arrivati il perugino Scappini, assente contro il Perugia per un problema fisico, l’altro ex rossoverde Finotto, Malcore dal Carpi ed è stato confermato l’ex panchinaro Strizzolo. Il Cittadella non solo ha operato sul mercato a costo zero, ma ha messo a bilancio (sono dati Transfermarkt) la bellezza di cinque milioni di euro.

Operato da lodare quello del direttore sportivo Marchetti – che ha chiesto alla squadra il salto di qualità nel trittico terribile contro Perugia, Palermo e Verona prima della fine dell’anno – così come quello del tecnico Venturato, che si trova per le mani l’ennesima squadra forte costruita attorno al veterano Iori, imbattuta dallo scorso 25 settembre, con la difesa meno perforata della cadetteria (appena 10 gol al passivo) e più in generale la meno battuta del campionato dopo il Palermo. Un’arma da sfruttare per il Perugia di Nesta potrebbe essere la situazione dei diffidati nella formazione veneta, ben quattro: Iori, Branca, Settembrini e Siega. Curiosità infine: nel Cittadella domani troverete in distinta due Luca Maniero: non si tratta di un errore, uno è unportiere di riserva di 23 anni, l’altro un centrocampista di 20.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti