Resta in contatto

Amarcord

Novellino, l’importanza di Perugia e Gaucci nella vita del tecnico

Il Foglio racconta la figura dell’ex allenatore biancorosso oggi alla guida del Catania in serie C

“La serie C non incrociava Walter Alfredo Novellino da oltre vent’anni _ si legge nell’articolo a firma Domenico Lombardi _. Da quando, nel 1995, aveva lasciato Gualdo, dove aveva costruito un piccolo miracolo di provincia: prima la promozione in C1 e, la stagione successiva, lo spareggio per andare in B perso ai rigori contro l’Avellino. Ci è voluto un Catania in crisi, che ha chiamato il tecnico dopo aver cacciato Andrea Sottil”.

“Lui è uno che vive di calcio e per il calcio, anche adesso che è vicino ai 66 anni. Un calcio che ha conosciuto da bambino, cresciuto a San Paolo, con papà e mamma là emigrati. San Paolo uguale Brasile uguale fantasia e tecnica. Quella che Novellino porta con sé all’approdo in Italia. Un limite, quando passa dalle parti del Torino, dove esordisce in serie A e dove viene considerato un giocoliere. Una virtù quando, a Perugia, incrocia Ilario Castagner, capace di costruire un gruppo in grado di sfiorare lo scudetto nel 1979, secondo dietro al Milan. Novellino non c’è già più, ha portato dribbling e testardaggine proprio nella squadra rossonera, quella della stella. Gioca sulla fascia, quasi da regista aggiunto come si usava a quei tempi: basti pensare a grandi interpreti del ruolo come Bruno Conti, Claudio Sala e Franco Causio, che lo chiudono in Nazionale in fasi diverse. Classe e carattere. Lo chiamano Monzon, in onore del pugile argentino, uno dei caratteri più sanguigni visti sul ring. Il soprannome glielo aveva affibbiato Giorgio Ferrini, uno che – in quanto a personalità – certo non scherzava al Torino.

“Novellino, per l’appunto, che in panchina non ha perso la spigolosità del carattere: troppo diretto per reggere con certi presidenti, come Luciano Gaucci. Prima esperienza in panchina e primo esonero, spettacolare. Ultima di campionato, il Perugia vince a Casarano e va allo spareggio 1993 per la B contro l’Acireale. Gaucci ha già rotto con il tecnico e scelto l’eterno Castagner per la stagione successiva. Novellino diventa una furia quando scopre che sull’aereo che riporta la squadra a casa c’è anche chi lo sostituirà. Morale: licenziamento immediato e la finale promozione la vince Castagner. Novellino ha modo di rifarsi in una carriera lunghissima. Catania lo accoglie determinato come non mai: “Non ho impiegato neanche un minuto a dire sì”. Il calcio ritrova un grande organizzatore di squadre, a volte anche del tempo libero dei suoi giocatori. Un sergente di ferro vecchia maniera, dedito 24 ore su 24 al pallone (“Dopo una partita o un allenamento devo lavorare, capire dove ho sbagliato”). Uno che serviva per risvegliare Catania”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ricordo a Siena in una delle prime partite della sua era eravamo fuori dallo stadio quando due o tre tifosi lo videro e gli dissero se li aiutava ad..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "io abitavo a Elce in via Torelli e Cecca era mio vicino di casa. ricordo un uomo vero in campo e fuori sempre rispettoso e disponibile un calcio d'..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Il calcio più bello visto a Perugia......ma aveva anche una grande squadra...fra le più forti!!!"

Il Perugia e la sua storia: la leggenda del ‘Sor Guido’ Mazzetti

Ultimo commento: "Un grande allenatore, un grandissimo uomo !"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Rappresenta il più grande PG di tt i tempi, nn solo x l'aspetto tecnico,ma x ciò che significò sotto l aspetto sociale caratterizzato da grande..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Amarcord