Resta in contatto

Approfondimenti

Perugia sul podio della classifica del “cinismo” dietro Brescia e Lecce

Solo le rondinelle, già promosse in A, e i salentini, che devono giocarsi il match point per fare lo stesso percorso, hanno una percentuale migliore del Grifo nel rapporto tra tiri e realizzazioni.

Cosa è mancato al Grifo per la svolta stagionale? Intanto, dal focus sulle reti segnate in rapporto ai tiri realizzati dalle squadre di Serie B emerge ciò che non è mancato. Il Perugia ha una capacità realizzativa del 15.6%, meglio finora hanno fatto solo il Brescia (20.7%) già promosso in Serie A e il Lecce (20.3%) che potrebbe seguire le rondinelle se vince l’ultima gara con lo Spezia.

È il portale specializzato Transfermarkt.it a stilare la speciale classifica sulla ripartizione dei tiri e la percentuale di realizzazioni. Il Perugia si è messo dietro, nell’ordine, Verona, Pescara, Spezia, Benevento e tutte le altre. Perché, allora, la fase realizzativa della squadra di Nesta si è inceppata, soprattutto nell’ultima fetta di stagione? Per numero totale di tiri il Grifo è quintultimo con 295 (i gol segnati 46 per il nono attacco della B), peggio hanno fatto solo Crotone, Cosenza, Carpi e Venezia.

In definitiva, il Perugia ha trovato spesso la via della rete in rapporto ai tentativi effettuati ma i grifoni avrebbero dovuto e dovrebbero, almeno nella gara di sabato contro la Cremonese, provare molto più spesso la stoccata decisiva.

Proprio il “cinismo” sotto porta non è la caratteristica più spiccata della squadra di Rastelli (“Non vogliamo andare in vacanza”, ha detto) che si presenta al Curi per lo scontro play off. La percentuale realizzativa dei grigiorossi (12.1%) è la quartultima della categoria con 36 gol in 296 tiri.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Grifagno
Marco
1 anno fa

Tutto bene. Il termine “cinico”, però, non ha tra i suoi significati quello per il quale impropriamente viene impiegato. Concreto, preciso, efficace, capacità realizzative, sono termini più idonei a spiegare un buon rapporto tra tiri e reti realizzate. Cinico vuol dire tutt’altro. Almeno voi giornalisti cercate di fare uscire termimi comce cinico e cattivo dal linguaggio calcistico. Con simpatia.

Advertisement

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Un'allenatore che allenando una provinciale rimane imbattuto dice gia'tutto. Vogliamo parlare dell'uomo dal punto di vista umano? Beh all'epoca del..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Io non da perugino primo anno di università,in quella domenica fredda e piovosa al gol di cecca mi innamorai del grifo...."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti