Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Fiore: “Perugia emoziona. L’empatia è elemento chiave del calcio…”

Il collaboratore tecnico nello staff di Oddo ha raccontato il percorso che l’ha portato in biancorosso e i primi giorni accanto alla squadra. Ha ripercorso la serata contro la Roma e ricordato i suoi precedenti al Curi

Ottantotto reti realizzate in carriera e trentotto presenze con la Nazionale Maggiore. Questo è stato Stefano Fiore da calciatore. E adesso? Quello arrivato a Perugia è lo Stefano Fiore 2.0: “Quello che ho voglia di fare – le parole riportate sul sito ufficiale del club – e aiutare i ragazzi a crescere e non si smette mai di imparare e migliorare. Io nella mia carriera ho imparato cose anche in età avanzata, quando pensavo di non dover più scoprire nulla. Questo è un lavoro in cui l’impegno e la voglia di migliorarsi non devono mai mancare. Quando parlo con i calciatori cerco di trasmettere questo”.

Fiore di Perugia ha bei ricordi: “Da calciatore ci ho sempre fatto belle partite. La prima volta fu con l’Udinese, realizzai un gol e un paio di assist. Con la Lazio una volta pareggiammo e una vincemmo, segnai addirittura in rovesciata”. A portarlo nel capoluogo umbro ci ha pensato mister Oddo: “Io e Massimo abbiamo fatto insieme il corso da direttore sportivo, io poi ho cominciato ad operare proprio in veste di ds mentre lui aveva già frequentato il corso da allenatore e cominciò subito ad allenare. L’ho sempre seguito, spesso parlavamo, ci confrontavamo, e il suo modo di vedere il calcio è molto vicino al mio. L’anno scorso l’ho sentito prima della sua avventura a Crotone e gli avevo detto che prima o poi mi sarebbe piaciuto lavorare insieme a lui. Quando è iniziata la sua avventura a Perugia si è ricordato di me. Quindi eccomi qua! Spero che questa nostra collaborazione possa portare buoni frutti”.

Nelle prime due settimane il lavoro si è svolto nel migliore dei modi: “Siamo molto contenti. Abbiamo trovato grande disponibilità, entusiasmo, voglia di seguirci. Abbiamo creato i presupposti per stare bene insieme e credo si sia visto anche in campo. Lo spirito che si è visto durante la partita contro la Roma e in tutta la prima parte del ritiro è qualcosa che ci fa molto piacere e ben sperare per il futuro. L’empatia è un elemento basilare per il bellissimo lavoro che facciamo”.

Ci potrebbe essere uno Stefano Fiore nell’attuale rosa del Perugia? “Ognuno di noi è unico nelle sue peculiarità. Sicuramente ci sono talento e qualità, lavoreremo su questi aspetti cercando di migliorare tutti i giocatori che abbiamo in rosa. I ragazzi hanno tutto il tempo per fare il loro percorso e diventare più bravi di me”.

Infine, Stefano Fiore ci tiene a dire alcuni grazie: “Voglio ringraziare tutta la gente di Perugia che ci ha regalato una bellissima serata il 31 luglio. Ovviamente anche la società che mi ha accolto alla grande e a Massimo che è stato il primo a volermi in questa avventura. Spero di ripagare tutti nel miglior modo possibile”.

Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Le scelte del tecnico biancorosso per la sfida di questa sera contro la formazione di...
spal perugia 2023-2024 christian kouan
Dai quotidiani locali - Ricci può affiancare Vazquez in avanti, Kouan favorito su Agosti a...
pucciarelli empoli
Con l'attaccante esterno il nuovo tecnico dei marchigiani avrà più soluzioni offensive, c'è anche l'ex...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

Altre notizie