Resta in contatto

News

Grifo affogato e affondato dalla carica del “Citta”: primo ko al Curi

Doccia fredda per il Perugia battuto 2-0 dalla squadra di Venturato. In rete D’Urso e Diaw prima dell’intervallo. I veneti scavlcano la squadra di Oddo in classifica.

Questione di intesità, di aggressività. Di ritmo. Il Cittadella, dalla parti del Curi, è un po’ un libro (calcistico) aperto. Eppure il Grifo ha nuovamente sbagliato la lettura della gara e si è fatto sovrastare dagli uomini di Venturato. Oddo aveva chiesto “un risultato pieno” ai grifoni alla vigilia del match, sono stati i veneti invece a fare il colpo grosso (0-2) al Curi ridimensionando in un colpo solo classifica e morale del Perugia.

La brillantezza mentale con cui il Cittadella apre la sfida si traduce nel vantaggio in poco più di trecento secondi: i biancorossi dormono sulla rimessa laterale da sinistra, D’Urso può controllare al limite e pescare l’incrocio con il destro a giro. I veneti affogano il Perugia alla fonte e il 3-4-1-2 biancorosso trova sfogo solo con palla lunga. Che non sarebbe nemmeno una soluzione tanto cattiva se gli avanti – e in particiolare il tandem Iemmello e Falcinelli – non sbagliassero anche le cose più semplici. E allora è ancora il “Citta” a sfiorare il bersaglio con Diaw che sbuca davanti a Vicario su una punizione dalla trequarti: il portiere del Perugia è miracoloso a deviare la sfera sul palo a mano aperta. Il primo tempo si tinge di biancorosso solo con un paio di belle manovre avvolgenti senza rifinitura e con una bordata mancina di Falasco da 40 metri che impegna Paleari.

Nella ripresa Oddo le prova tutte ripartendo con il 3-5-2 e poi passando al 4-2-4 con gli innesti di Fernandes e Buonaiuto. La svolta resta solo un’illusione quando Iemmello, su cross ad aggirare la difesa di Di Chiara, colpisce a botta sicura di testa e Paleari salva i suoi d’istinto (64′). Il Cittadella riporta l’inerzia del match sul proprio binario con la traversa colpita da D’Urso (67′), poi sostituito fra gli applausi dello sportivo pubblico perugino. Anche Iemmello lascia il campo per Capone, la spinta biancorossa si spegne sugli “sgonfi” assoli di Fernandes e il Grifo incassa il primo ko interno stagionale. Una doccia fredda, se non proprio gelata. E ora c’è la sosta per riordinare le idee.

3 Commenti

3
Lascia un commento

avatar
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Penosi

trackback

[…] durato una settimana il viaggio del Perugia nella “prima classe” della Serie B. Il Cittadella, passato in casa biancorossa con merito, ha ridimensionato un po’ tutto. Le pagelle di […]

trackback

[…] ha funzionato nulla”. Massimo Oddo è scuro in volto dopo il ko (0-2) del Perugia contro il Cittadella. “Purtroppo è stata una giornata completamente no. Sconfitta strameritata, contro un […]

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ricordo a Siena in una delle prime partite della sua era eravamo fuori dallo stadio quando due o tre tifosi lo videro e gli dissero se li aiutava ad..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "io abitavo a Elce in via Torelli e Cecca era mio vicino di casa. ricordo un uomo vero in campo e fuori sempre rispettoso e disponibile un calcio d'..."

Il Perugia e la sua storia: la leggenda del ‘Sor Guido’ Mazzetti

Ultimo commento: "Un grande allenatore, un grandissimo uomo !"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Rappresenta il più grande PG di tt i tempi, nn solo x l'aspetto tecnico,ma x ciò che significò sotto l aspetto sociale caratterizzato da grande..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News