Resta in contatto

News

Perugia, Oddo replica a Goretti: “Altro che fallimento…”

Il tecnico risponde alla sortita del dt: “Non mi sentirei di aver fallito se mancassi la A. Sto giocando con la stessa squadra dello scorso anno, che arrivò ottava”.

Nessuna polemica“: lo chiarisce più volte Massimo Oddo nella conferenza stampa. Ma una risposta – quella sì – arriva alle parole che Roberto Goretti aveva affidato ai giornali in settimana. Parole che hanno lasciato il segno soprattutto per un concetto: “Se non andiamo in A sarebbe un fallimento“. Una tesi che il tecnico non sposa. Anzi rigetta. E, senza mezzi termini, spiega il perché…

Le parole di Oddo

Ognuno ha il suo pensiero: se il direttore ha detto che questo è l’anno in cui il Perugia deve andare in Serie A, io vi rispondo che sono d’accordo con lui. Ci mancherebbe. Ma penso che questo pensiero lo abbiano anche il Cittadella, il Benevento, il Crotone, la Salernitana… e tutte quelle squadre che che fanno questo campionato e hanno qualche minima chance di potersi giocare la serie A“.

Quindi, se mi chiedete ‘Qual è il tuo obiettivo’, io vi rispondo ‘la serie A’. Ma per raggiungere questo obiettivo si deve combattere con gli altri che hanno lo stesso obiettivo, si devono creare quelle alchimie giuste, si devono verificare quelle condizioni che fanno sì che tu possa raggiungere il tuo obiettivo, attraverso il lavoro, attraverso il sacrificio, la mentalità, l’agonismo e poi attraverso la tecnica e la tattica e quant’altro…“.

Quindi: io sono assolutamente d’accordo con il direttore e sono in linea con lui su tutto quanto ha detto. L’unica cosa su cui mi sento di dissentire è sul fatto che non deve esistere la parola ‘fallimento’. Questa parola va cancellata dal nostro vocabolario. Perché tu puoi fare un grandissimo campionato… poi prendiamo gol all’ultimo minuto dell’ultima partita… non andiamo in serie A… diventa un fallimento?“.

Potremmo parlare di fallimento se andassimo ai playout, al massimo potremmo parlare di fallimento se non riuscissimo a raggiungere i playoff, ma non accetto che si parli di fallimento in caso di mancata promozione“.

Questa la prima parte della risposta, la più diretta. Poi il tecnico torna sul concetto più avanti – segno che quella parola lo ha segnato – e lo fa attraverso un parallelismo con la passata stagione.

I convocati di Oddo per la trasferta di Pordenone

Il paragone con Nesta

Stavo riguardando la formazione titolare dello scorso anno… e mi sono reso conto che noi, di fatto, giochiamo con la stessa formazione base del girone di ritorno della scorsa stagione, che arrivò ottava. In più ci sono Di Chiara a sinistra e Iemmello davanti; poi al posto di Verre (che fece 12 gol) c’è Buonaiuto. Per il resto siamo gli stessi. E allora mi dovete spiegare per quale motivo quella squadra arrivò ai playoff per un pelo e per tutti aveva fatto un buon campionato e invece questa squadra se non va in serie A è un fallimento“.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco
Francesco
9 mesi fa

Reazione pacata, giustificata e comprensibile del mister. Goretti ha perso una buona occasione per….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Bugia…. Anno scorso i terzini col caxxo che li avevi…. (rosi come se non c’era) in più hai falzerano che è stato preso a gennaio in prospettiva.. iemmello vicario…. Lassa gi su dai…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

mah parole fuori luogo per me

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

A posto.. Se c’era na speranza è svanita anche quella….. Per dirlo ai giornali, questi dentro sennò sbattuti tal muro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Oddo è scemo. È cambiata mezza squadra.
Meglio che te ne vai se la pensi così

Danielino
Danielino
9 mesi fa

Secondo me oddo non Arriva al panettone. É troppo fenonomeno. Capisce tutto lui. Ho 67 anni. So 60 anni che seguo il grifo. A me sto Oddo né pare capiscione. Sto ultimo anni ha fallito e basta!!!

Antonello Salvatore
Antonello Salvatore
9 mesi fa

Concordo pienamente con mr ODDO. TT questo incensamento mediatico a questa squadra mi sembra spropositato. Squadra decorosa, ma niente di più. Solito “habitus”. I veri “fallimenti” sportivi sono avvenuti nel 2014/15 e nel 2016/17! Piuttosto apprezzo fortemente il modo sobrio con il quale mr ODDO ha ricordato che x vincere un campionato nn ci si può vantare di avere la squadra più giovane della categoria e il budget più tra i più bassi della medesima. Si capisce che x entrare tra le prime 2 occorrono rinforzi sicuri e dai primi di gennaio. Ma questo è un discorso da approfondire in… Leggi il resto »

Francesco
Francesco
9 mesi fa

👏👏👏

Grifagno
Marco
9 mesi fa

Ce ne è una sola di squadra che sta deludendo, tra le accreditate, ovvero l’Empoli. Forse anche la Cremonese, che comunque nelle ultime cinque gare ha la nostra stessa media punti. Le altre, comprese le meno quotate, sono tutte in ripresa. Nella classifica delle ultime dieci giornate siamo scivolati all’undicesimo posto, con 13 punti. Addirittura in quella parziale delle ultime cinque, siamo sedicesimi con 5 punti. Alcuni giocatori stanno deludendo, altri sono addirittura inutilizzati o non si sono rivelati adeguati. Non andare in A sarebbe un fallimento? Di chi? Di chi ha operato le scelte? Del tecnico? Personale di qualche… Leggi il resto »

Francesco
Francesco
9 mesi fa
Reply to  Marco

🔝👍👍

Mauro
Mauro
9 mesi fa

Viste le difficoltà delle squadre più accreditate per salire sarebbe un gran peccato direi un quasi fallimento come dice il direttore. In quanto alla squadra Non paragonerei il Rosi o il Carraro dello scorso anno a quelli di questo. Gli innesti dello scorso campionato sono stati fatti per averli al meglio per la squadra attuale in più abbiamo un attacco formidabile per la categoria. Si deve essere consapevoli e responsabili a partire dalla squadra mister compreso ovviamente. Possiamo e dobbiamo fare di più. Mauro

Mauro
Mauro
9 mesi fa

Io sono d’accordo con quanto detto dal direttore sarebbe un gran peccato nn un fallimento ma poco ci manca visto che molte squadre accreditate faticano molto più di noi. Riguardo alla squadra gli innesti del girone di ritorno sono stati fatti per averli pronti e più inseriti in questo campionato. Non paragonerei il Rosi di anno scorso a quello di questo anno lo stesso dicasi per Carraro ed altri….in più abbiamo un attacco formidabile per la categoria. Al mister trovare la giusta alchimia. Credo che ci si debba responsabilizzare un Po tutti a partire dalla squadra mister compreso ovviamente. Possiamo… Leggi il resto »

Francesco
Francesco
9 mesi fa
Reply to  Mauro

💪👍

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News