Resta in contatto

News

Grifo, riscatto e salto in classifica: Iemmello stende il Pescara

Oddo batte e scavalca l’amico ed ex collaboratore Zauri (3-1) con una doppietta del bomber della Serie B e la prima rete stagionale di Capone. Di Machin la rete ospite. Il Grifo è secondo in classifica almeno per una notte. Spazzato via il vento di crisi.

Tre gol, tre punti e un salto triplo in classifica. Fino al secondo posto, in attesa del posticipo fra Pisa e Pordenone. In un colpo solo il Perugia ha riavvolto il nastro ed è tornato al dopo Crotone. Il successo pieno contro il Pescara (3-1), nel “sunday night” del Curi, non cancella i due ko consecutivi contro Cittadella e Pordenone ma rimette a posto molte cose del fine anno a tinte biancorosse.

La Serie B resta ultra livellata e basta un acuto per ridisegnare gli scenari. Così Oddo ha scavalcato con merito l’amico e allievo Zauri, senza stanutare il proprio credo (ancora 6 cambi nella formazione iniziale), pur tornando al più redditizio “albero di Natale”. I grifoni hanno limitato il miglior attacco del torneo tornando invece a pungere e segnare dopo due gare totalmente aride.

Che poteva essere una serata buona era scritto nel pallone che Galano ha spedito in Curva Sud da due passi all’alba della gara. Il Perugia si è allora disteso tra le buone trame tracciate da Carraro, rifinite da Nicolussi e Capone, accelerate da Rosi e Nzita e concretizzate da Iemmello. Più organico il sistema di gioco biancorosso nel supportare il “solo” capocannoniere e così è arrivato il vantaggio (20′) firmato da “Re Pietro”. Ancora Grifo e ancora un gol, stavolta il primo di Capone (33′) con la maglia biancorossa e propro alla sua ex squadra. Nel finale di primo tempo però il rigore segnato da Machin ha tenuto aperti i giochi.

Nell’arrembante ripresa del Pescara è stato Oddo a trovare le mosse giuste con l’ingresso di Mazzocchi, il passaggio al 3-5-2 e le incursioni di Buonaiuto in contropiede. Da una seconda folata in pochi secondi dell’attaccante biancorosso è arrivato infatti il rigore procuarato da Dragomir (69′) e realizzato da Iemmello (sesta volta dagli undici metri) per la doppietta personale del bomber (salito a 11 in totale) e il 3-1 con cui il Grifo ha messo in ghiaccio i tre punti.

Il resto l’ha fatta una solida prova del pacchetto difensivo guidato da un Gyomber al top (dentro poi anche il baby Konate a centrocampo) e Oddo ha portato a casa un successo d’oro, da ex e nell’ennesimo scontro diretto stagionale. Nella seconda casalinga di fila contro il Cosenza (lunedì sera) arriverà la verita: il Grifo ha imparato la lezione post “sbornia” di Crotone?

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News