Resta in contatto

News

Chievo-Perugia, le indicazioni di Cosmi su modulo e formazione

Il tecnico del Grifo non è esplicito ma dice molte cose sul tipo di squadra che scenderà in campo al Bentegodi.

È un piacere ascoltare Serse Cosmi, non solo perché è simpatico e ha la giusta energia ma anche perché, pur con giri di parole, alla fine le cose le dice. E in modo molto chiaro. Proviamo quindi ad analizzare i punti chiave della sua conferenza prepartita.

Punto primo: le motivazioni

Il tecnico se la vuole giocare. Guai a dire che il Grifo non ha nulla da perdere: lo dice chiaro e tondo ad inizio conferenza stampa. Quindi niente alibi, nonostante le tante assenze: dagli storici, all’influenza che ha colpito Rodin, fino alla defezione di Melchiorri, rivelata in conferenza.

Punto secondo: il modulo

Cosmi dice chiaro e tondo: “Nzita e Mazzocchi li vedo più come quinti che quarti“. Ergo: la difesa sarà a tre e quindi, considerando che gli unici disponibili sono Falasco e Sgarbi uno dei centrocampisti arretrerà in difesa. “Questione di numeri“, dice il tecnico.

Punto terzo: le scelte sui singoli

Su questo, il tecnico di Ponte San Giovanni è inevitabilmente più evasivo, ma qualcosa ha detto. Ad esempio sul giovane Konate: “Mi piace già quando esce dagli spogliatoi. Deve imparare alcune cose ma non tantissime. Sarà in grado di essere robusto e protagonista, da qui alla fine non sarà un comprimario, farà parte del gruppo e può essere anche da protagonista, già da domani”. Più esplicito di così…

Poi sulle mezzali: “Io non ho mai messo in difficoltà i giocatori, ho sempre saputo le qualità di Buonaiuto e Falzerano, non è stato esperimento. Sapevo benissimo che avrebbe sofferto la fase difensiva, se Cristian ha fatto qualche errore li ha fatti nel suo ruolo. Se migliora in fase difensiva, può fare sia l’interno sia la seconda punta. Anzi, potrebbe fare anche il quinto un giorno“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News