Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo tonico, vince il Chievo: la prima di Cosmi è una beffa

Al Bentegodi è finita 2-0 con i gol di Ceter e Meggiorini (rigore) a cavallo dal novantesimo. Il Perugia è andato vicino al vantaggio con Buonaiuto che ha colpito un palo, poi ha chiuso in riserva. Nel recupero espulso Falasco

Un ko a pochi secondi dal novantesimo è sempre una beffa. Stavolta è ancora più atroce perché il Perugia meritava di uscire dal Bentegodi almeno con un punticino. Invece è stato il Chievo, con un finale in crescendo, ad aver portato via l’intera posta (2-0) con un gol di Ceter al minuto 89 e il rigore di Meggiorini in pieno recupero (la diretta).

Amaro il debutto in campionato di Serse Cosmi sulla panchina biancorossa. Eppure il tecnico perugino aveva disegnato un 3-5-2 – sostanzialmente improvvisato per squalifiche e infortuni – ma in grado di imbrigliare parecchio i clivensi e sgonfiarne le qualità. Il Grifo ha tenuto il pallino del gioco alzato i ritmi sfruttando la catena di destra con Falzerano e Mazzocchi. E’ servito subito Vicario per chiudere la porta biancorossa dopo un flipper in area, poi è venuto fuori il Perugia con un diagonale a lato di Falcinelli, il rigore in movimento sparacchiato male da Nzita e una prima frazione in energico controllo.

Il legno

I tifosi biancorossi, magari non così numerosi come al San Paolo di Napoli in settimana ma tanto rumorosi, a suon di decibel hanno impattato il fattore campo e, nella ripresa, il Perugia ha sfiorato il colpo con un destro preciso di Buonaiuto (velo di Falcinelli) e la parata decisiva di Semper che ha sporcato la traiettoria sul palo. Alla distanza è uscito fuori il Chievo di Marcolini che in tre mosse ha vinto il match.

La svolta

Decisivi gli uomini entrati dalla panchina: da una parte (Ceter) e dall’altra (Balic e Angella). Vicario ha murato Giaccherini tenendo il pari. Poi c’è stato un gol annullato a Ceter per fuorigioco, ma lo stesso colombiano ha trovato il guizzo (89′) con il tap in decisivo di testa sugli sviluppi di un cross che ha ingannato Vicario sbattendo sul palo. In pieno recupero l’intervento del portiere ancora sui piedi dell’attaccante clivense mandato Meggiorini sul dischetto per il definitivo 2-0. Sul triplice fischio c’è stata anche la parola di troppo di Falasco che si è beccato il rosso.

Le sensazioni

Il Grifo torna da Verona senza punti e con tanta rabbia in valigia. Per trequarti di gara però c’è stata la netta sensazione che Cosmi possa aver trovato il tonico in grado di rigenerare il gruppo. Con poche mosse mirate che ora hanno bisogno di continuità e morale.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Mauro
Mauro
4 mesi fa

Con tutto il rispetto si vede che alcuni di calcio nn capiscono niente…..solo il risultato guardano. Finalmente in campo si è visto il grifo che vogliamo vedere…complimenti a Serse ed a chi lo ha riportato al perugia. I conti li facciamo tra un po. Mauro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Tutti commenti contro cosmi poi apri i profili chi con la maglia dell’Inter, chi con i giocatori del Milan….. FATE RIDERE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

E quante ne perderà

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

signori Biagio, e Barbanera non abbiamo bisogno di gufate,,grazie,,, e forza grifo,,,💯💯💯💯🍀🍀

Francesco
Francesco
4 mesi fa

La strada intrapresa è quella giusta… forza Serse forza ragazzi !

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

Ma che partita hai visto?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 mesi fa

TUTTI AL CURI..

Grifogigi
Luigi
4 mesi fa

Abbiamo perso contro un avversario inguardabile. Abbiamo già 3 punti in meno rispetto all’andata. Ma tranquilli….andremo in serie A . 🤦🏻‍♂️

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti