Resta in contatto

News

Frosinone-Perugia 1-0, Nesta non replica a Cosmi e fa i complimenti ai suoi

Pur sollecitato dai giornalisti locali, il tecnico ciociaro non raccoglie e passa oltre. “Oggi siamo andati uomo su uomo”.

Appena Alessandro Nesta arriva in conferenza stampa un cronista locale gli riferisce le parole di Serse Cosmi, in particolare quelle relative al fatto che il Perugia avrebbe fatto un’impresa a farsi battere da questo Frosinone. Il tecnico romano non raccoglie però la provocazione e passa oltre: “Questa cosa di Cosmi non l’ho sentita e quindi non mi posso esprimere“.

Non faremo mai un calcio super – dice l’ex tecnico del Perugia a proposito della sua nuova squadra – oggi magari non si visto ma avevamo tanti infortunati eppure le assenze non si sono sentite minimamente, chi ha giocato ha dato il massimo. Magari avevamo meno alternative sui cambi. Noi siamo una squadra che vince le partite. E siamo secondi, qualcosa di buono la faremo anche noi”.

Avere una difesa che ti fa prendere pochi gol dà coraggio alla squadra. Ma se fai gol, gli altri fanno fatica a fartelo. La difesa tiene, oggi mancavano due giocatori come Capuano e Brighenti là dietro ma non ce ne siamo accorti perché è stato bravo chi ha giocato. Bravi Szyminski e Krajnc. Questo è un marchio di fabbrica, questa è una squadra tosta. Non sarà mai bellissima ma a me va bene così. Magari quando si perde sarà un disastro perché giochiamo male e perdiamo. Ma ora non ci pensiamo“.

Lo scorso anno facevamo un calcio diverso a Perugia, è vero. Ma quando uno arriva in una nuova squadra non deve essere vanesio, deve sapersi adattare e non far vedere se stesso. La bravura è saper osservare quello che possono fare e dare una identità. Questa squadra ha un dna fantastico, un marchio di fabbrica vero da prima che arrivassi io. E chi vuole alterarlo? Questa è una esperienza anche per me. Per la mia formazione è eccezionale. Fino ad ora. Ma comunque non abbiamo fatto niente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News