Resta in contatto

Approfondimenti

La svolta del Perugia passa dal Renato Curi

“Non voglio più perdere in casa” era stato l’appello del patron Santopadre affidandosi a Cosmi. Ma l’ultimo ko con lo Spezia ha riaperto la ferita. Nei prossimi 13 giorni il Grifo gioca 3 volte di fronte al proprio pubblico

È il momento chiave della stagione. E definisce gli obiettivi. Corsa promozione o sofferenza salvezza. Tre delle prossime quattro gare il Perugia le gioca di fronte al pubblico amico. Per cercare la svolta dopo la crisi di metà febbraio. Per ripartire dopo i due ko con Spezia e Frosinone.

Gli ostacoli però sono tosti. Il Grifo di Cosmi, come nelle ultime uscite, continua ad aspettare formazioni in salute. Lunedì sera, nel “monday night”, arriva l’Empoli che sembra aver scacciato via le difficoltà del girone d’andata con l’arrivo di Marino in panchina e tre vittorie consecutive (C’è la sperimentazione Var).

Dopo la trasferta “bisestile” di Pisa del 29 febbraio, al Curi arrivano altre due big di seguito: nel turno infrasettimanale il Benevento capolista, indiscusso padrone della categoria; e poi, il 7 marzo, la Salernitana di Ventura che è risalita fino alla zona play off scavalcando proprio il Perugia.

La squadra di Cosmi si gioca tutto, o quasi, in questi 13 giorni. Con tre gare al Curi su quattro, è vitale tornare padroni a casa propria per riaprire antichi orizzonti.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Un TIFOSO deluso da anni
Un TIFOSO deluso da anni
3 mesi fa

Ennesima delusione dopo i tanti proclami esternati come “stagione fallimentare in caso di obbiettivo mancato”

Roberto Rossi
Roberto Rossi
3 mesi fa

Manica di scappati di Casa, scelti dal grande Goretti che santovecchio ha riempito di soldi per il mercato di gennaio.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Spero veramente in una vera svolta! Dai Perugia💪💪💪

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Lunedì invece di fischiarli dal primo minuto bisogna incitarli fino alla fine, devono capi che stanno indossando una maglietta che ogni volta che la indossano devono onorarla al di là del risultato

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti