Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Intervista a Santopadre: “Se ci sarà positivo a Coronavirus nel Perugia, niente terrore”

Parla il presidente del Grifo nel momento di maggiore difficoltà del calcio italiano. “Abbiamo preso le precauzioni. Stiamo tutti a casa per ripartire più in fretta”

Seconda parte dell’intervista al presidente del Perugia, Massimiliano Santopadre, che valuta alcuni scenari dell’emergenza legata al Coronavirus nel mondo del calcio dopo la speranza che presto si torni in campo per “una giornata bellissima”.

Ha pensato a cosa potrebbe succedere se dovesse esserci una positività tra i tesserati del Perugia?
“Non bisogna viverla con paura. Dovesse capitare andrà in quarantena e si faranno subito i tamponi con i contatti che ha avuto e così via. I medici faranno controlli quotidiani, non viviamola con il terrore. È un virus che va combattuto, restiamo sereni perché si guarisce”.

Che clima ha trovato nello spogliatoio prima dello stop?
“La squadra era scossa e anche per questo ho bloccato gli allenamenti, avevo paura si facessero male. Ma nessuno mi ha chiesto di andare via o ha messo in discussione il proprio lavoro, sono stati perfetti e spero che siano così anche quando torneremo a giocare”.

Quali precauzioni sono state prese per la ripresa?
“Abbiamo allargato gli spogliatoi dividendoli in tre sale, faremo allenamenti in gruppi e ai ragazzi verrà misurata la temperatura tutti i giorni, anche sabato e domenica. Non lasceranno la regione. Come tutti i club stiamo cercando di fornire le massime misure di sicurezza. Impossibile però pensare di impedire che qualcuno contragga il virus perché non fa prigionieri e può prendere tutti”.

Ha detto che la ripartenza dopo il 3 aprile la vede scura. Se la stagione dovesse rimanere “congelata”? Ci sono presidenti che sia augurano l’annullamento come Spinelli e altri che eventualmente hanno annunciato l’addio come Vigorito e Stirpe. Lei da che parte sta?
“Tremo solo al pensiero dovesse accadere una cosa del genere, sarebbe una tragedia per qualcuno e spero non ce ne sia bisogno. Il Coronavirus ci insegna a ragionare giorno dopo giorno. Nel consiglio Figc del 23 marzo ne sapremo di più, se si riparte il 3 aprile o ci sarà una proroga”.

Se e quando ripartirà, come?
“Siamo orientati per lo slittamento. Il Perugia quindi ricomincerebbe da Ascoli”.

Cosa si sente di dire ai tifosi?
“Che sportivamente la nostra priorità è finire i campionati, se il Coronavirus permette. Se non migliora la situazione ne parleremo. Ma stiamo in casa, aiutiamoci a ripartire più in fretta”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Complimenti Presidente tante dichiarazioni piene di buon senso, in attesa di tempi migliori. In bocca al lupo Grifo!

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio