Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Mazzocchi e il Grifo, “scugnizzo” e “frego”: tatuaggi, musica e il primo gol

L’esterno biancorosso svela le proprie passioni, il rapporto speciale con Falzerano e il taglio di capelli di Angella

“Sto a casa e cerco di mantenere la condizione allenandomi. E poi guardo qualche film. La mia ragazza sta a Napoli e non possiamo vederci”. Pasquale Mazzocchi parla dalla sua casa di Perugia, con il pallone fermo per l’emergenza sanitaria globale. “La situazione è abbastanza critica – spiega l’esterno napoletano del Grifo -, lo sport passa in secondo piano, conta la salute. Siamo entrati nel tunnel e non vedo luce. Speriamo di uscirne quanto prima”.

Nel calcio di Mazzocchi ci sono un’infinità di sfaccettature in cui il pallone è un filo conduttore. Lo stop del campionato è l’occasione per conoscere meglio uno dei personaggi più eclettici dello spogliatoio biancorosso. La fede, l’amicizia e il sacrificio: ecco i valori che trasmette il numero 7 del Grifo. Insieme alle passioni per la musica napoletana, i tatuaggi e le forbici da parrucchiere.

“Mi diverto a fare i capelli ai compagni, qualcuno si prenota. Il mio lavoro migliore? Il taglio di Angella, un mio cliente fisso”. Pasquale riavvolge il nastro. “Nei vicoli di Napoli tutti i bambini giocano a calcio e magari arriva qualcuno che ti dice che sei bravino e devi continuare. Così ho preso la mia strada”. Poi il settore giovanile del Benevento fino al professionismo. La scalata con il Parma e, nell’estate 2018, l’arrivo a Perugia con contratto quadriennale. “Nasco esterno d’attacco, ora sono diventato terzino ma il quinto nel 3-5-2 è il ruolo che esalta meglio le mie caratteristiche”.

La stagione è andata in stand-by proprio quando Mazzocchi aveva trovato il primo gol in Serie B, contro la Salernitana. Da tre punti. “E’ stata una grandissima emozione sia a livello personale che per la squadra perché stavamo attraversando un momento difficile e la vittoria ci avrebbe permesso di uscire dalla crisi. Sfortunatamente ora si è bloccato tutto”.

L’esterno biancorosso ha tante ‘firme’ sul proprio corpo, compreso una tatuaggio che raffigura Gesù e prende tutta la schiena. “È stato criticato da molti ma ho tanta fede e vado oltre certe cose. Devo ringraziare Valentino Russo di Grosseto, un artista fortissimo”. E poi c’è l’amicizia con Falzerano. “Voglio bene a Marcello come agli altri compagni, è normale che nello spogliatoio si trova l’amico da portare a cena. Quando si sta bene l’intesa è maggiore anche in campo”. Come in un duetto musicale. “Canto le canzoni neomelodiche napoletane, ho sempre sognato di fare un pezzo con Falzerano al pianoforte – sorride – ma lui non ne vuole parlare”. Mazzocchi, a 24 anni, tiene ancora dentro lo spirito degli inizi. “Sì – dice – sono uno scugnizzo, un po’ come un ‘frego’ a Perugia…”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "certo.... ma il cav. Ghini neanche ha saputo comprare le partite.... ricordi il 1986?"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Grande personalità, maestro di vita, semplicità da vendere .unico"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Gaucci per carità dio lo riposo in pace e abbia pietà di lui e stato la rovina il fallimento del nostro Perugia con le sue mattane ci a portato al..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Non fosse stato per quel decerebrato di Gaucci il Perugia sarebbe arrivato fra le prime 10 di A! Purtroppo aveva troppa voglia di togliersi dai piedi..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio