Resta in contatto

Esclusive

Zazzaroni: ‘Calcio e Coronavirus, il taglio stipendi avrebbe senso a bocce ferme’

Due chiacchiere per i portali del nostro circuito con il direttore del Corriere dello Sport: ‘Il sistema era già saltato prima, la pandemia aumenta i problemi ma fornisce un alibi ai presidenti’

Il calcio è fermo, i presidenti scalpitano per tornare a far allenare le squadre e disputare le gare di campionato. I calciatori non accettano il taglio degli stipendi. L’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia da Covid19 ha stravolto tutto, anche il calcio e nulla sarà come prima. Ne è convinto anche Ivan Zazzaroni, giornalista e direttore de Il Corriere dello Sport.

L’epidemia aveva già iniziato a circolare tra Bergamo e Brescia con i primi ricoveri, eppure si erano giocate partite di campionato, di Champions, sono state permesse trasferte, invece di sospendere tutto. Il calcio si doveva fermare prima?

Visto ciò che è successo, sì. Ma a fine febbraio/inizio marzo i segnali e le informazioni erano differenti e discordanti. Anche noi professionisti del ‘commento del dopo’ non ce la sentiamo di rispondere con perentorietà”.

Scudetto assegnato e in che modo, salvezza raggiunta o meno, promozioni, play-off e play-out. Come ne uscirà il mondo del calcio da questa esperienza?

“Ne uscirà malissimo. Le stesse persone, ma con i problemi triplicati”.

Un’ipotesi su cosa succederà con i campionati italiani e la Champions? Cosa pensa che succederà?

“Se lo sapessi mi farei pagare profumatamente per rivelarlo al mondo intero”.

All’inizio dell’emergenza sanitaria Sandro Mazzola aveva lanciato la proposta ai calciatori di devolvere un 5% per aiutare la sanità nell’emergenza, adesso sono le società che chiedono ai calciatori di tagliare gli stipendi, il sistema calcio è a rischio di saltare?

“Era già saltato prima del virus, il virus consentirà a presidenti che erano tecnicamente falliti di giustificare i propri crac con la pandemia. Il taglio degli stipendi ha senso solo a bocce ferme, eventualmente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "certo.... ma il cav. Ghini neanche ha saputo comprare le partite.... ricordi il 1986?"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Grande personalità, maestro di vita, semplicità da vendere .unico"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Gaucci per carità dio lo riposo in pace e abbia pietà di lui e stato la rovina il fallimento del nostro Perugia con le sue mattane ci a portato al..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Non fosse stato per quel decerebrato di Gaucci il Perugia sarebbe arrivato fra le prime 10 di A! Purtroppo aveva troppa voglia di togliersi dai piedi..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Esclusive