Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Perugia, l’anno prossimo si punta alla salvezza (del bilancio)

Danni da coronavirus: secondo i quotidiani locali il deficit in partenza per il club di Santopadre sarà di 2,7 milioni tra botteghino, abbonamenti e sponsor. E per raggiungere il pareggio sarà fondamentale un calciomercato aperto a discrezione della Figc

C’è un Perugia che punta alla salvezza. Bisogna dare atto alla società di Massimiliano Santopadre non aver mai partecipato ad un campionato di serie B che non fosse ai nastri di partenza meno che ambizioso e, pur non avendo ancora centrato la promozione, di avere quasi sempre offerto un rendimento superiore alle potenzialità dell’investimento. Per questo parlare di salvezza è stato sempre cosa rara ma se ora lo facciamo è perché ci riferiamo alla salvezza del bilancio nell’ambito dell’emergenza per il coronavirus.

Inquantificabili le perdite, almeno nel momento della massima incertezza attuale (un conto sarebbe se il campionato ripartisse, un altro se invece si dovesse chiudere qui), si può però dare già uno sguardo compiuto alla prossima stagione calcistica, come hanno fatto i quotidiani locali oggi in edicola (La Nazione, il Corriere dell’Umbria e Il Messaggero). La sola certezza di un campionato 2020-2021 a porte chiuse e dunque senza i proventi delle partite casalinghe è già di per sé un evento drammatico, sia pure generalizzato. C’è da sperare che almeno a metà stagione possano riaprire gli stadi ma tutto dipenderà dall’andamento dei contagi, dal vaccino, da fattori che ora fanno parte dell’imponderabile.

Realisticamente, il Perugia dell’anno prossimo dovrà fare a meno in partenza rispetto al bilancio del 2019-2020 di almeno 2,7 milioni di euro: 1,5 milioni per i mancati incassi del botteghino, intesi come biglietteria e abbonamenti, 1,2 milioni per i mancati incassi dalle sponsorizzazioni. Con una partenza del genere, ecco che diventa indispensabile il calciomercato, in cui il Perugia nelle ultime stagioni ha sempre dimostrato di essere maestro. Grazie alle plusvalenze messe a segno da Roberto Goretti il Perugia ha potuto raggiungere costantemente il pareggio di bilancio e anzi permettersi qualcosa in più per coltivare le proprie ambizioni, come quest’anno in occasione degli arrivi last-minute sulla carta lussuosi di Balic e Falcinelli.

Meno male allora che nel corso dell’ultima assemblea di Lega B è arrivata la rassicurazione da parte della Fifa, che ha inviato le linee guida da recepire a livello federale sia rispetto ai contratti in scadenza, sia rispetto alla finestra estiva del mercato che stavolta non dovrà equipararsi al resto del mondo e potrà essere aperta e chiusa dalla Figc a seconda della necessità. Il mercato, insomma, ci sarà e il Perugia di Santopadre avrà la possibilità di mettere a segno altre plusvalenze grazie ai giocatori di proprietà più ambiti. In questo senso già a gennaio c’erano stati abboccamenti importanti per Dragomir, Gyomber e Kouan, mentre in rampa di lancio potrebbe esserci ora anche il giovane Konate.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il fischietto toscano ha già diretto il Grifo in questo campionato, in occasione di Spal-Perugia...
Da Il Messaggero - Con la Recanatese terza vittoria in extremis dopo Pescara e Fermana....
Dai quotidiani locali - Dopo la rifinitura partenza per la Liguria senza Dell'Orco, Vulikic, Polizzi...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...