Resta in contatto

News

Ripartenza & prestiti, il Perugia in ansia: rischia di perdere sette giocatori

I quotidiani locali annunciano che con la probabile ripartenza dei campionati gli accordi sono tutti da rifare e il Grifo non vede la luce. In bilico le prestazioni per altri due mesi di Iemmello, Falcinelli, Vicario, Benzar, Carraro, Capone e Nicolussi: urge una norma ‘ad hoc’

Sono tanti i problemi della ripartenza del Calcio, ancora tutta da mettere in campo in attesa che il 28 il Governo italiano dia il responso definitivo. Tra questi ce n’è uno portato a galla dai quotidiani locali stamattina in edicola, La Nazione, Il Messaggero e Il Corriere dell’Umbria – che tocca il Perugia in particolar modo. E’ quello dei contratti dei calciatori in scadenza il 30 giugno, che riguarda anche i prestiti di cui tutti i club, specialmente in Serie B, usufruiscono abitualmente in maniera cospicua.

Il Perugia è particolarmente toccato dall’argomento visto che di prestiti ne ha sette (sarebbero nove, ma Fernandes è rimasto a curarsi in Spagna e Fulignati ha un accordo biennale), in virtù di una politica societaria che negli ultimi anni ha virato verso la creazione di un gruppo di giocatori di proprietà. Il fatto è che tra questi sette elementi c’è in pratica la spina dorsale della squadra, ci sono alcuni degli elementi di spicco e di cui sarebbe veramente difficile fare a meno: si tratta di Vicario, Nicolussi Caviglia, Carraro, Capone, Benzar, il capocannoniere del campionato Iemmello e il suo partner d’attacco Falcinelli.

L’empasse: è stato deciso in sede di Consiglio Federale che in caso di ripartenza i contratti dei giocatori di proprietà verranno tutti estesi al 31 agosto mentre per i prestiti si renderanno necessarie delle trattative private. Il fatto è che chi non dovesse trovare l’accordo non scenderà in campo fino al 1 settembre, giorno fissato per l’inizio della prossima stagione, anche perché non avrà l’assicurazione. Ma poi la domanda sorge spontanea: con chi dovrà trovarlo l’accordo il giocatore? Con il club di appartenenza? Impossibile pensare che l’Atalanta possa pagare due mesi di stipendio a Carraro per farlo giocare nel Perugia. Con il club che usufruisce del prestito? Equivarrebbe a far diventare l’anno di prestito di 14 mesi allungando di conseguenza anche il numero degli stipendi. Impensabile per chi in questi giorni combatte con pressanti problemi di bilancio, mentre anche l’idea di comprimere in 10 mesi gli stipendi della stagione 2020-2021 a livello amministrativo fa acqua da tutte le parti. In teoria i giocatori, se nessuno li pagherà, potrebbero decidere di non rinnovare o di non giocare. Tra l’altro, inevitabilmente, l’Assocalciatori è in movimento.

Il problema naturalmente riguarda tutti i club dei campionati professionistici, non soltanto il Perugia, il rischio che tutti perdano pezzi importanti è concreto e dunque urge una norma ‘ad hoc’ che con ogni probabilità dovrà però arrivare dal Governo, trattandosi di materia di diritto del lavoro. Resta da dire che allo stato attuale il Perugia dovrebbe affrontare l’eventuale ‘tour de force’ delle dieci partite in meno di due mesi con appena una quindicina di elementi in organico. E c’è da scommettere che Cosmi non farebbe salti di gioia.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

🙈

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Ne prenderanno altri 7 troppi questi prestiti ogni anno se ne vanno i migliori

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News