Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Perugia in lutto: addio alla first lady del calcio biancorosso

La città piange la signora Lia Rosaspina, vedova dell’ex presidente Spartaco Ghini. Aveva 86 anni. La Commissione del Museo del Grifo ricorda il suo ruolo chiave nella storia del club

La città di Perugia e il Grifo sono in lutto per la morte di Lia Rosaspina, moglie dell’ex presidente biancorosso Spartaco Ghini al quale è intitolata la Curva Nord.

Dopo la perdita del marito, nel 2004, era tornata nel suo paese di origine, in provincia di Varese. La signora Lia è considerata la first lady del pallone perugino per il ruolo avuto nei 15 anni di presenza nel club di Ghini, fondatore della Sicel, l’azienda che a tempo di record costruì, nel 1975, l’attuale stadio Renato Curi.

“La Commissione AC Perugia Calcio Museo – si legge in una nota – piange la scomparsa della moglie del presidente Spartaco Ghini, Lia Rosaspina. Proprio grazie alla signora Lia che aveva trasmesso la passione per il Grifo al marito sollecitandolo agli inizi degli anni ’70 a rilevare il Perugia, che stava retrocedendo in Serie C. Negli oltre 15 anni di gestione diretta e indiretta, Ghini avrebbe profuso molte risorse economiche per il club e per lo stadio”.

La signora Lia Rosaspina aveva 86 anni ed era malata da tempo. Lascia i figli Francesco e Vittoria. Sabato i funerali a Gemonio, nel varesotto. Alla famiglia le condoglianze della redazione di CalcioGrifo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Qualcuno lontano da Perugia"

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "scusate l intrusione ma non si puo sentire che lisi non e un giocatore io sono di pisa e vi posso garantire che da noi a fatto la differenza forse..."

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Amarcord