Resta in contatto

News

Burrai: “Vincere a Perugia avrebbe un altro sapore. Convinto dal progetto”

Il play ex Pordenone si presenta e si dice convinto dalla volontà dimostrata dalla società nei suoi confronti. Quindi indica la via per la nuova stagione: “Fare gruppo e lavorare in silenzio”

Salvatore Burrai, il primo acquisto dell’era Giannitti, si è presentato a Perugia ed ai perugini in  conferenza stampa. Rispondendo alle domande dei giornalisti, ha definito la trattativa che lo ha portato a Perugia come “sviluppatasi molto rapidamente per l’entusiasmo che il direttore sportivo e la società hanno dimostrato per me“. Dopo 5 anni a Pordenone, l’addio non è stato facile e quindi ha avuto bisogno di prendersi alcuni giorni per decidere e parlare con i ramarri e con il suo agente.

Cosa lo ha convinto a venire a Perugia? “La volontà della società che proponendo un triennale ha dimostrato di credere nel Burrai calciatore e uomo. Non ho avuto alcuna difficoltà nello scendere di categoria, giocare per questa piazza mi inorgoglisce“. Per la seconda volta nella sua carriera (dopo Leonardo Colucci a Pordenone) sarà allenato da un suo ex compagno: “Con Caserta abbiamo giocato insieme alla Juve Stabia ed abbiamo un bellissimo rapporto. Ho qualche anno in più rispetto a tanti compagni, sto in mezzo al campo e per me parlare è più facile. Ma chiaro che le sue idee devono essere condivise da diversi giocatori, deve essere un’idea comune“.

Burrai ha grandi aspettative per la nuova stagione: “Non possiamo sapere quello che sarà, ma bisogna seguire la via del silenzio e del lavoro. Bisogna fare gruppo e dimostrare sul campo a tutto l’ambiente che giochiamo per la maglia e per la città“.  Si è descritto brevemente come un giocatore che “può portare esperienza in un campionato difficilissimo dove bisogna lottare e battagliare. Mi piace giocare a calcio ed ho qualità nel gioco palla a terra. Mi piace, però, anche battagliare con grinta, intensità e recupero palla. Bisogna essere pronti a questo gioco“.

Quando gli è stato chiesto che visione ha avuto da avversario sulla scorsa stagione fallimentare del Perugia ha ricordato che all’andata non ha giocato perché era squalificato. “Per i giocatori che aveva in rosa non avrei mai pensato che retrocedesse – ha commentato -. Nel calcio però parla il campo. Per la città e la categoria è stato un colpo duro, ma inaspettato. Non so se questo a Perugia sarà il mio momento più bello ed affascinante, ma lo spero perché vincere in una piazza storica come Perugia ha un altro sapore

 

 

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
19 giorni fa

👍👍👍💪💪💪

Commento da Facebook
Commento da Facebook
19 giorni fa

ma quale progetto ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
18 giorni fa

ben arrivato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
19 giorni fa

Dajeeeee!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
19 giorni fa

Era ora che c’era qualcuno orgoglioso di giocare x il perugia ora dimostriamolo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
19 giorni fa

Un grosso in bocca al lupo a tutti un forte abbraccio ❤

Commento da Facebook
Commento da Facebook
19 giorni fa

E’ capito dove vieni..non fai bene una cosa ne paghi 2….QUESTA È UNA PROMESSA DI ULTRÀ….RINGRAZIATE SANTAFAVA….CHE QUESTO CLIMA VI A LASCIATO
…..

..

Daniele
Daniele
19 giorni fa

Burrai oltre ad essere un grande giocatore è soprattutto un grande uomo. L’acquisto è molto azzeccato.

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News